FANDOM


Succhiare c*zzi non è il modo giusto per costruire una carriera, tesoro.

—Beverly Hope a Serena Belinda, in 11/9


Non puoi licenziarmi. Sono l'unica reporter nera che abbiamo qui.

—Beverly Hope a Bob Thompson, in Holes


Se Kai me lo avesse ordinato, ti avrei uccisa e poi sarei andata a prepararmi un cheeseburger senza pensarci.

—Beverly Hope a Ally Mayfair-Richards, in Charles (Manson) in Charge


Voglio essere l'unica a rimanere in vita, qui.


Beverly Hope è uno dei personaggi principali della settima stagione di American Horror Story, ed è interpretato dall'attrice Adina Porter.

La report investigativa, Beverly Hope, inizia ad indagare sui misteriosi omicidi ad opera di una pericola banda criminale, in competizione con la giovane e bella Serena Belinda. Scavalcata da Serena che ha una relazione poco professionale con l'emittente televisivo Bob Thompson, dal quale Beverly è costantemente discriminata per via del colore della sua pelle, e derisa da un gruppo di uomini che non le lasciano condurre in tranquillità i suoi collegamenti televisivi, Beverly viene avvicinata dal giovane Kai Anderson. Per convincerla ad unirsi al suo gruppo di seguaci, reali colpevoli dei misteriosi omicidi che si stanno verificando in città, assieme alla sua banda di clown, Kai massacra Serena davanti alle telecamere, dopo di che, uccide brutalmente anche Bob. Beverly manda in onda le riprese durante il suo servizio sull'omicidio. In seguito, Kai e Beverly decidono che R.J. uno dei membri della setta, nonché suo cameraman personale, è troppo debole e deve essere eliminato.

Spingendo Kai ad intraprendere una carriera politica e ad abbracciare degli ideali basati sul terrore, Beverly Hope, sempre più spietata, parla esplicitamente di “sangue fresco” in TV per spaventare la comunità e, di conseguenza, assicurare al giovane leader la credibilità necessaria per diventare il nuovo capo del consiglio cittadino.

Quando Winter Anderson, sorella di Kai, ammazza uno dei suoi fedeli, il detective Jack Samuels, dopo che questo aveva tentato di violentarla, Beverly e Rudy Vincent, terzo fratello di Kai, vengono ritenuti colpevoli del suo omicidio. Kai fa portare al proprio cospetto, legati e imbavagliati, Vincent e Beverly, giudicati entrambi colpevoli di tradimento. Dopo aver ammazzato Vincent, fa portare Beverly nella camera d'isolamento perché la morte sarebbe una punizione troppo rapida per lei.

Collaborando con i servizi segreti e installando una cimice in soggiorno, Ally Mayfair-Richards riesce ad incriminare Kai e farlo arrestare. La vita di Ally, dopo essere riuscita a fare incolpare lo stesso Kai per la morte di Ivy, ricomincia daccapo: ha deciso di scendere in politica, candidandosi contro il senatore Jackson, proprio come voleva fare Kai. Dal carcere, Kai assiste alle mosse di Ally ed elabora un piano per uscire di prigione e ucciderla, presentandosi al dibattito politico di Ally contro Jackson. Kai però viene ucciso con un colpo di pistola alla testa da Beverly Hope, un'alleata di Ally.

BiografiaModifica

Nel periodo di dicembre venne ritrovato il cadavere di un certo Vinny presso una discarica e condurre il servizio televisivo del caso, venne assegnata la giornalista Beverly Hope. Kai ricorda alla perfezione il volto della giornalista in quanto la donna era spesso stata vittima di abusi misogini da parte di disturbatori durante i suoi servizi televisivi. All'ennesima caricatura da parte di un gruppo di ragazzi, la donna reagì con violenza in diretta per poi accettare di farsi ricoverare volontariamente presso una clinica psichiatrica.

Determinato ad avere Beverly Hope dalla sua parte, il candidato al Consiglio Cittadino Kai Anderson la raggiunge e durante la loro conversazione, scopre quanto Beverly sia frustrata e vessata dal fatto che una sua collega civettuola, stupida e superba, la giovane Serena Belinda, stia facendo carriera al posto suo grazie a continui rapporti sessuali con i capi della testata. Di fatti, Bob, il dirigente di Beverly, viene scovato dalla stessa mentre Serena lo stuzzica per mezzo di massaggi sensuali e moine. Per guadagnarsi la fiducia di Beverly, durante un servizio giornalistico condotto da Serena Belinda, Kai inscena l'omicidio della ragazza. Così invia alcuni dei suoi sottoposti, vestiti da clown, ad uccidere lei e il suo cameraman in diretta televisiva con una serie di pugnalate allo stomaco.

Appreso del tragico omicidio della collega, Beverly accetta di allearsi con Kai Anderson, entrando a fare parte della sua setta assieme ai coniugi Harrison e Meadow Wilton. Insieme, i tre inscenano l'omicidio dei coniugi Chang in modo da insediarsi nel quartiere di Brookfield Heights, Michigan, e permettere al ragazzo di aggiudicarsi il posto di Consigliere Comunale.[1]

Gli abusi misogini nei confronti della giornalista Beverly Hope non terminano e la donna, che al momento si occupa di intervistare il candidato a Consigliere Comunale Kai Anderson, decide di sbarazzarsi una volta per tutte di Bob Thompson, suo dirigente televisivo. Dopo un piccolo diverbio, Bob arriva persino a licenziarla, unica giornalista nera della sua testata. Kai, Beverly, Winter, Harrison, Samuels, Gary e R.J., il cameraman di Beverly, si riuniscono nel sottoscala di Kai per organizzare l'omicidio di Bob quando questi vengono raggiunti da Ivy, unitasi alla setta in seguito all'apparente divorzio con Ally. L'unica assente del gruppo risulta essere Meadow, scomparsa misteriosamente da alcuni giorni.

Gli otto componenti della setta fanno quindi irruzione nella casa di Bob con indosso i propri costumi da clown, e si preparano ad ucciderlo, spaventandolo a morte attraverso l'enunciazione di verso latino di "Ave Satanas". Prima che qualcuno possa ucciderlo però, l'uomo spiega al gruppo che se lui morirà, nessuno ritroverà mai il corpo del suo schiavo sessuale, un altro uomo, appeso in soffitta. I clown si spostano quindi in soffitta, dove ritrovano l'uomo con indosso una maschera di lattice, appeso per i capezzoli ad una serie di ganci, rivelando gli appetiti feticisti di Bob. Ivy e R.J. vorrebbero risparmiare l'innocente, ma Kai non ci pensa due volte e trafigge l'uomo con un colpo netto al cuore. Dopo di che, mentre Kai e Beverly trucidano sadicamente Bob, togliendosi le maschere, R.J. non riesce a filmare completamente la scena e si nasconde in un angolo per vomitare.

I due decidono così di eliminare anche l'anello debole del gruppo: R.J. Il ragazzo è troppo sensibile ed emotivo per compiere gli omicidi necessari alla loro causa, così lo legano ad una sedia, mentre Kai gli pianta una serie di chiodi nel cervello, uccidendolo lentamente con un totale di sette chiodi piantatogli nel cervello.[2] In seguito, Beverly partecipa all'omicidio di Sally Keffler, rivale politica di Kai.[3]

Di ritorno a casa dal lavoro, Beverly si imbatte in una strana figura avvolta in un mantello scuro, che le rivela di essere al corrente dell'esistenza della setta di Kai e dei suoi reali piani. La donna mette in guardia Beverly circa le reali intenzioni di Kai e la invita a raggiungerla la stanza 12 del Reunion Hotel quando si sarà accorta che il ragazzo la sta solo sfruttando per realizzare i suoi obiettivi. Le parole della donna misteriosa si rivelano fondate quando Kai mentte da parte Beverly per concentrarsi su un nuovo gruppo di reclute militare e la umilia di fronte ai suoi adepti. Beverly si reca quindi al ristorante di Ivy, che ritrova in compagnia di Winter, per invitarle ad unirsi alla sua causa femminista. Le tre donne vengono infatti raggiunte da Bebe Babbitt, che racconta loro la storia di un'eroina, Valerie Solanas, sua defunta amante e vero amore.

Bebe riesce a convincere Beverly, Ivy e Winter, che le donne non verranno mai prese sul serio e la convincere a riportare alla vita il movimento dello SCUM Manifesto ideato dalla sua amata Valerie. Le tre decidono quindi di sbarazzarsi di ogni singolo uomo facente parte della setta di Kai, a partire di Harrison, che ritiene che le donne siano delle "creature inutili". Legato ad una cella frigorifera nel ristorante di Ivy, viene brutalmente ucciso con una lama rotante. Kai apprende della sua morte in televisione, in compagnia di Bebe.[4]

Beverly e Ivy incominciano a tramare l'omicidio di Kai Anderson. Kai però, è in realtà consapevole che le sue alleate gli abbiano disobbedito e che stiano complottando contro di lui. Contro ogni aspettative però il ragazzo non è arrabbiato ma, al contrario, lusingato e decide quindi che le punirà al momento più opportuno, rinchiudendo per il momento Beverly in un magazzino.[5][6]

Collaborando con i servizi segreti e installando una cimice in soggiorno, Ally riesce ad incriminare Kai e farlo arrestare. La vita di Ally, dopo essere riuscita a fare incolpare lo stesso Kai per la morte di Ivy, ricomincia daccapo: decide di scendere in politica, candidandosi contro il senatore Jackson, proprio come voleva fare Kai. Intanto, Beverly viene liberata.[7]

Dal carcere, Kai assiste alle mosse di Ally ed elabora un piano per uscire di prigione e ucciderla, presentandosi al dibattito politico di Ally contro Jackson. Kai però viene ucciso con un colpo di pistola alla testa da Beverly Hope, un'alleata di Ally.[8]

Appare in (10/11)Modifica

Settima Stagione (10/11)

NavigazioneModifica


References Modifica

  1. Episode: 11/9
  2. Episode: Holes
  3. Episode: Mid-Western Assassin
  4. Episode: Valerie Solanas Died for Your Sins: Scumbag
  5. Episode: Winter of Our Discontent
  6. Episode: Drink the Kool-Aid
  7. Episode: Charles (Manson) in Charge
  8. Episode: Great Again
I contenuti della comunità sono disponibili sotto la licenza CC-BY-SA a meno che non sia diversamente specificato.