FANDOM


Briarcliff Manor è l'ambientazione principale e il fulcro di tutti gli eventi della seconda stagione di American Horror Story. Progettato inizialmente per essere un istituto di cura per i malati di Tubercolosi nel 1910, l'istituto venne convertito nel 1962 in un manicomio. Nel 1971, una volta lasciato Briarcliff e tornata in libertà, Lana Winters denunciò le critiche condizioni del luogo alla stampa locale fino a farlo chiudere definitivamente.

StoriaModifica

Situato nello stato del Massachusetts, vicino alla città di Framingham, il maniero venne costruito nel 1910 servendo come il più grande reparto per la cura della tubercolosi della costa orientale. Durante il 1910 e il 1962, circa 46.000 pazienti vennero ospedalizzati e morirono tra le sue mura. La Chiesa cattolica acquistò l'istituto nel 1962, convertendolo in un sanatorio per i malati di mente, a tutti gli effetti un manicomio.

Il manicomio venne affidato alla direzione del monsignor Timothy Howard e amministrato da suor Jude Martin, con il dottor. Arthur Arden in veste di primario della struttura. Nel 1965, la chiesa vendette il maniero allo stato, prima di essere definitivamente chiuso nel 1971 e abbandonato allo stato brado.[1] Anche se brevemente restaurato da Margaret Kirchner nel 1989, il luogo è attualmente in rovina.[2]

ResidentiModifica

VisitatoriModifica

Appare in (15/45)Modifica

Asylum (13/13)

Quarta Stagione (1/13)

Sesta Stagione (1/10)

Nona Stagione (1/9)

References Modifica

  1. Episode: Madness Ends
  2. Episode: Episode 100
I contenuti della comunità sono disponibili sotto la licenza CC-BY-SA a meno che non sia diversamente specificato.