FANDOM


Devi ascoltarmi, finché ci sarà odio nel tuo cuore, ci sarà odio nel mondo.

—Charles Manson a Kai Anderson, in Great Again


Charles Manson, il cui vero nome è Charles Milles Manson, nato a Cincinnati, il 12 novembre 1934 e morto a Bakersfield, il 19 novembre 2017, è uno dei principali personaggi ricorrenti della settima stagione di American Horror Story, ed è interpretato dall'attore Evan Peters.

Storicamente, Charles Manson era uno dei più noti criminali statunitensi, noto per essere il mandante di due omicidi. Il primo, ai danni di Sharon Tate e di quattro suoi amici, e il secondo, ai danni di Leno LaBianca e della moglie. Gli omicidi attribuiti a Charles Manson però, furono tutti quanti compiuti da quattro componenti della sua "famiglia": Susan Atkins, Linda Kasabian, Patricia Krenwinkel e Tex Watson. Linda Kasabian, fu la donna che tradì Manson, portando al suo arresto e a quello dei suoi compagni.

BiografiaModifica

Nel 2017, le idee estremiste di Kai Anderson divennero argomento centrale di molte riviste e telegiornali locali che lo dipingevano come un "troglodita assassino", incitando una forte opposizione nei suoi confronti. La questione, alimentata dal senatore Jackson, scatenò l'ira di Kai. La stessa sera, Kai raccontò a Gary e al suo esercito di fedeli, un esempio di grande virilità: la storia di Charles Manson e dei suoi omicidi compiuti in nome del potere. Questi però, vennero in realtà uccisi dai membri della "famiglia Manson" tali Susan Atkins, Linda Kasabian, Patricia Krenwinkel e Tex Watson.

Manson costrinse la signorina Kasabian ad accompagnare con la sua macchina altri tre membri della famiglia, Charles "Tex" Watson, Susan Atkins e Patricia Krenwinkel, alla residenza del regista Roman Polański e di sua moglie Sharon Tate, per ucciderli. Mentre i tre uccidevano Jay Sebring, Wojciech Frikowsky, Abigal Folger, e la moglie di Polanski, Sharon Tate, Kasabian rimase in macchina ad aspettarli. Avvicinandosi alla casa, intenzionata a fermare tutta quella sofferenza, Kasabian incontrò Frykowski, ancora miracolosamente vivo, mentre questo era intenzionato a scappare. L'uomo aveva la faccia coperta di sangue e si reggeva in piedi a fatica. Prima che Kasabian potesse fare qualcosa però, Watson lo accoltellò ripetutamente, colpendole in fine alla testa con l'impugnatura di una pistola. La Kasabian rimase inchiodata di fronte al prato, con un'espressione inorridita, mentre i suoi compagni terminavano l'omicidio.

Sotto shock, corse verso la macchina, e se ne andò. Abbandonata la "famiglia" Manson, Kasabian divenne la testimone chiave dell'accusa nel processo per gli omicidi Tate-LaBianca, nei confronti di Manson e dei suoi seguaci.[1]

Appare in (2/44)Modifica

Prima Stagione (0/12)

Quinta Stagione (0/12)

Settima Stagione (2/11)

Nona Stagione (0/9)

NavigazioneModifica


References Modifica

  1. Episode: Charles (Manson) in Charge

I contenuti della comunità sono disponibili sotto la licenza CC-BY-SA a meno che non sia diversamente specificato.