FANDOM


Sai qual è il tuo problema, Jimmy? Sei ancora ingenuamente convinto che il mondo possa andare avanti grazie alla bontà, alla decenza. La verità è che la bontà ti garantisce solo una morte prematura.

Ethel Darling a Jimmy Darling, in Test of Strength


Ma la fregatura più grande di tutte, la cosa che ti farà colare a picco è la speranza, la speranza che il mondo si sistemerà da solo e i giusti saranno ricompensati e i malvagi puniti. Quando inizi a credere a quelle stronzate, sì, sei spacciato. L’unico modo per sopravvivere in questo disgustoso mondo abbandonato da Dio è prendere il controllo.

Ethel Darling


Ethel Darling è uno dei personaggi principali della quarta stagione di American Horror Story, ed è interpretato dall'attrice Kathy Bates.

BiografiaModifica

Un tempo, grazie alla sua barba e alle sue forme sinuose, Ethel era famosissima e proprio in quegli anni, incontrò Dell. Quando però l'uomo la mise a recitare, da lì incominciò il suo rapido declino e la donna dovette rinunciare alla sua carriera sul palcoscenico. Per guadagnarsi qualche soldo, i due si inventarono un ultimo spettacolo finale: davanti agli occhi di tutti ella partorì il suo bambino mostruoso, il piccolo Jimmy.[1]

Presso il Freak Show di Elsa Mars, Dot si innamora in fretta di Jimmy Darling, ma si rifiuta di esibirsi in uno spettacolo canoro assieme agli altri "mostri" come le ordina Ethel, madre di Jimmy e donna barbuta del circo. Ethel quindi impartisce loro la prima lezione: non esiste altra vita per persone come loro. Jimmy confida alla madre Ethel l'intenzione di volere lasciare lo show per perseguire uno stile di vita più ordinario ma lei lo invita a farsene una ragione e rassegnarsi, perché dei "mostri" come loro non verranno mai accettati dalla società. [2]

Il giorno successivo, Ethel Darling osserva l'ex-marito, Dell Toledo, in compagnia della sua nuova moglie, Desiree Dupree, visitare il circo a bordo di un camper a rimorchio, vecchio e dimesso. Dopo circa sei anni, poiché Dell ha ucciso l'uomo con il quale Desiree lo stava tradendo, i due sono stati costretti ad abbandonare la loro troupe e a fuggire da Chicago. Così facendo, implorano Elsa di ottenere un riparo sicuro e un posto presso il suo spettacolo. Desiree infatti è una ermafrodita con tre seni e sia genitali maschili che femminili, mentre Dell è forte - molto forte - i due, sarebbero una valida aggiunta al suo spettacolo. Più tardi, Ethel visita Dell per comunicargli di non essere il benvenuto dopo avere cercato di uccidere Jimmy con le sue stesse mai all'età di tre anni. Così, lo invita a trovarsi un altro posto in cui andare. Dell però la informa che Elsa lo ha già assegnato a capo della sicurezza, in veste di suo "nuovo" secondo in comando.[3]

Presso l'unico medico della città disposto a curare dei freaks come lei, Ethel scopre di soffrire di cirrosi epatica. Alla donna restano soltanto sei medi di vita. Cadendo preda della disperazione più nera, Etehl ricade dell'alcolismo e ricomincia a bere. Dopo di che, chiede a Dell di tenere d'occhio suo figlio Jimmy una volta che se ne sarà andata.

Durante le prove per il nuovo spettacolo serale, Ethel ordina ai freaks di fermare immediatamente l'esibizione: non andranno in scena durante la notte di Halloween. Così dicendo, li informa di una vecchia usanza tra i Freaks. Il circo infatti, rifiuta di esibirsi la notte di Halloween a causa di una superstizione riguardante un uomo dell'alta società dell'ottocento, tale Edward Mordrake. Nato da una nobile famiglia inglese, Edward ricevette un'ottima educazione diventando un uomo di lettere, un poeta e un musicista di rara bravura. Dietro alla testa nascondeva però un'altra faccia, vile e spaventosa come il Diavolo, che cospirava costantemente contro di lui. Nessun'altro poteva udirla, solo Edward. Cercò di liberarsene in vari modi, ma questa non voleva proprio morire. Diventò matto. La sua famiglia lo fece internare al manicomio di Bedlam, dove iniziò a scrivere una serie di poesie. Faceva di tutto per distogliere la mente dai sussurri del Demonio, ma non provò mai sollievo. Il mostro gli sussurrava di fare delle cose, cose indicibili. Una notte, Edward fuggì dal manicomio, rifugiandosi presso un circo degli orrori. Lo chiamavano il "Principe a due facce".

Si esibiva sfoggiando le nobili arti apprese, essendo il rampollo di un'importante famiglia inglese e alla fine deliziava tutti quanti con un elegante inchino. La notte di Halloween Edward impazzì e uccise tutti i membri del circo, dopo di che, si tolse la vita, impiccandosi. Si narra che, anche dopo la morte, la faccia demoniaca continuasse a ghignare e sussurrargli all'orecchio. Secondo la credenza popolare, Edward viene richiamato dal regno dei morti ogni anno, per aggiungere alla sua crew un "freak", qualora qualsiasi compagnia avesse deciso di sfidarlo e di esibirsi nella notte di Halloween.

Elsa, non credendo a queste stupide superstizioni, decide comunque di continuare con le sue prove. Subito dopo, la prima persona a cui fa visita il fantasma, è Ethel Darling, interessato a conoscere la sua triste storia. Per via della sua cirrosi epatica, Ethel acconsente a raccontargliela a patto che l'uomo, una volta terminato il racconto, la liberi da ogni sofferenza, portando con sé la sua anima. La seconda faccia di Edward decide però che Ethel non è la prescelta e l'uomo scompare nuovamente, lasciandola distrutta.[1]

Ethel accompagna Desiree da un dottore e l'uomo la informa che ha avuto un aborto spontaneo. Contrariamente ad ogni aspettativa infatti, Desiree è 100% una donna e non un'ermafrodita come ha sempre creduto. Quello che a lei è sempre sembrato essere un pene infatti, in realtà è soltanto un'escrescenza del corpo. Se lo desidera, il dottore potrà rimuovergliela attraverso un intervento chirurgico. Desiree decide di lasciare Dell e in seguito a numerosi atti di violenza da parte del marito, va a vivere nel camper con Ethel. Dopo aver appreso del possibile intervento chirurgico di Desiree, poiché desidera un futuro con il suo amato Andy, Dell visita il dottore di Desiree e gli spezza le ossa delle mani con un martello in modo che non possa più esercitare alcuna operazione.[4]

Il giorno successivo, quando Eve racconta a Ethel e Desiree dell'aggressione subita, le due donne ipotizzano che Dell avesse intenzione di abusare di lei, e si alleano per sbarazzarsi di lui una volta per tutte.[5]

Il vestito insanguinato di Ma Petite viene ritrovato dagli altri freaks presso il bosco vicino insieme ad alcune altre ossa di origine sconosciuta. Di conseguenza, la troupe arriva a pensare che la minuscola donna sia stata sbranata da un qualche genere di animale selvatico che si aggira per i boschi. Il resto dei circensi sono molto dispiaciuti nell'apprendere la notizia, in particolar modo Elsa, distrutta dalla morte della sua piccola protegée. Ethel però nutre dei sospetti differenti, e accusa Elsa di averla uccisa con le sue stesse mani per riportare tutte le attenzioni su di sé. Le due arrivano ai ferri corti, ed Ethel spara ad una gamba di Elsa, rimanendo sconvolta nello scoprire che Elsa non ha le gambe, ma bensì porta delle protesi di legno. Per averle mentito ed averla tradita, Ethel punta allora alla testa, ma Elsa, acciuffando un coltello, glielo lancia in testa, uccidendola.

Con l'aiuto di Stanley, arrivato al suo tendone, Elsa inscena il suicidio di Ethel, facendolo sembrare un incidente d'auto. Legandole la testa con una catena ad un albero, la mette alla guida e nell'impatto, la donna ne rimane tragicamente decapitata. La troupe si beve la storia montana da Elsa, compiangono l'ennesima morte all'interno della troupe. Maggie cerca di consolare Jimmy, ma lui, infuriato, la respinge. Jimmy finisce quindi col consolarsi tra le braccia di Ima Wiggles, la nuova recluta del freak show.[6]

Appare in (10/13)Modifica

Quarta Stagione (10/13)

NavigazioneModifica


References Modifica

  1. 1,0 1,1 Episode: Edward Mordrake (Part 1)
  2. Episode: Monsters Among Us
  3. Episode: Massacres and Matinees
  4. Episode: Pink Cupcakes
  5. Episode: Test of Strength
  6. Episode: Blood Bath
I contenuti della comunità sono disponibili sotto la licenza CC-BY-SA a meno che non sia diversamente specificato.