FANDOM


Se spaventi abbastanza le persone, raderanno il mondo al suolo!

—Kai Anderson, in Don't Be Afraid of the Dark


Un uomo senza etichette e costrizioni è fedele soltanto a ciò che è giusto.

—Kai Anderson a Harrison Wilton, in 11/9


Non esiste gay o etero in natura. In questo caso dovrai appoggiarti soltanto alla tua mascolinità. È ... è come l'elettricità. Positivo e negativo, un flusso. Quando il circuito è completo, la potenza scorre. Diventi più forte, collegato ad ogni cosa. Con un altro uomo ... non avviene alcuno spreco di energia. State soltanto ripiegando l'uno sull'altro, in maniera esponenziale.

—Kai Anderson a Jack Samuels, in Winter of Our Discontent


Kai Anderson è il protagonista principale della settima stagione di American Horror Story, ed è interpretato dall'attore Evan Peters.

Kai Anderson era un giovane particolarmente sensibile e fragile, aveva due fratelli maggiori Winter e Rudy Winter. I loro genitori si suicidarono nel 2014, gesto che spinse il maggiore dei tre, Rudy, a nascondere i loro cadaveri nella camera matrimoniale pur di non perdere la casa e la pensione di invalidità del padre. Altri due incontri segnarono particolarmente la vita di Kai, il primo, l'incontro con il Pastore Charles e in seguito l'incontro con la sua terapista, Bebe Babbitt, che lo indirizzarono sulla strada dell'odio e della violenza, spingendolo ad intraprendere una carriera politica e ad abbracciare degli ideali basati sul terrore.

Determinato a diventare il prossimo Senatore dello stato del Michigan, dopo avere massacrato il consigliere Chang assieme ad una banda di clown, Kai Anderson annunciò di volersi candidare per il posto vacante nel consiglio comunale. Assieme alla sua banda di criminali, Kai incominciò quindi a terrorizzare l'intera cittadina attraverso i suoi atti di vandalismo, aggressioni e omicidi. Parte della sua rivoluzione prevedeva inoltre di manipolare e controllare le menti delle persone al suo servizio (Meadow Wilton, Harrison Wilton, Jack Samuels) utilizzando le loro paure e le loro paranoie per spingerle ad unirsi alla sua setta privata. Al fine di rafforzare il consenso politico, si lasciò pestare a sangue da una banda di messicani, incitando al razzismo, o ad esempio lasciò che Meadow lo sparasse durante le elezioni per poi costringerla a suicidarsi e farlo apparire agli occhi della stampa come una vittima.

Ally Mayfair-Richards, che scoperta la verità sul conto di Kai, tentò di impedire a Meadow di compiere la sparatoria, per poi suicidarsi, venne ritrovata dalla polizia con la pistola fumante in mano e portata via in manette, ritenuta colpevole. L'anno successivo, uscita dal manicomio, determinata a riprendere il controllo sulla sua vita e ad ottenere l'affidamento del figlio Oz, Ally decise di unirsi alla setta criminale di Kai. Nel frattempo, Kai è costretto a giustiziare brutalmente la maggior parte dei suoi collaboratori, tra cui la sorella Winter e il fratello Vincent.

Collaborando con i servizi segreti e installando una cimice in soggiorno, Ally riuscì a fare incriminare Kai e farlo arrestare. Dal carcere però, Kai assiste alle mosse di Ally ed elabora un piano per uscire di prigione e ucciderla, presentandosi al dibattito politico di Ally, adesso candidatasi in politica al suo posto contro Jackson. Kai viene però ucciso con un colpo di pistola alla testa da Beverly Hope.

BiografiaModifica

[1] [2] [3] [4] [5] [6] [7] [8] [9] [10] [11]

Appare in (11/11)Modifica

Settima Stagione (11/11)

NavigazioneModifica


References Modifica

  1. Episode: Election Night
  2. Episode: Don't Be Afraid of the Dark
  3. Episode: Neighbors from Hell
  4. Episode: 11/9
  5. Episode: Holes
  6. Episode: Mid-Western Assassin
  7. Episode: Valerie Solanas Died for Your Sins: Scumbag
  8. Episode: Winter of Our Discontent
  9. Episode: Drink the Kool-Aid
  10. Episode: Charles (Manson) in Charge
  11. Episode: Great Again
I contenuti della comunità sono disponibili sotto la licenza CC-BY-SA a meno che non sia diversamente specificato.