FANDOM


Lista dei personaggi minori è una lista di personaggi che hanno avuto un ruolo minore nella serie televisiva antologica "American Horror Story" e che, in qualche modo, sono collegati ai personaggi principali.

A B C D E F G H I J K L M N O P Q R S T U V W X Y Z

AModifica

Andre StevensModifica

Andre Stevens è un personaggio minore dell'ottava stagione di American Horror Story, ed è interpretato dall'attore Jeffrey Bowyer-Chapman.

Biografia
In seguito all'apocalisse nucleare del 2021 scatenata da Michael Langdon, Andre, il fidanzato Stu e la madre Dinah Stevens trovarono rifugio presso l'Avamposto post-nucleare 3. I tre vengono assegnati ai "Viola", gli elitari che sono stati scelti per sopravvivere. Le regole della casa sono semplici: è vietato uscire dall'edificio a causa delle radiazioni e dei mostri cancerogeni e purulenti oltre i cancelli; inoltre, è vietato qualsiasi tipo di copulazione non autorizzata.

Quando il fidanzato Stu venne accusato di essere stato contaminato, venne ucciso da Miriam Mead. I suoi resti vennero trasformati in uno stufato che venne servito la sera stessa agli ospiti. Andre ritrova delle ossa nel suo stufato, e capisce che si tratta dell'amore della sua vita.[1]

In realtà, Stu non è mai stato contaminato, la sua morte venne orchestrata da Venable e Mead per scatenare un senso di paura irrazionale nei residenti dell'Avamposto.[2] Tutti gli abitanti dell'Avamposto vennero in seguito avvelenati durante la festa di Halloween da Mead e Venable.[3]

Le morti di Andre, Stu e Dinah vennero in seguito invertite da un viaggio temporale di Mallory utilizzando il Tempus Infinitum.[4]

Appare in (3/10)
Ottava Stagione (3/10)



BModifica

BartholomewModifica

Bartholomew è un neonato afflitto dall'aspetto mostruoso nato nel 1926, figlio di Elizabeth Johnson e James Patrick March.

Biografia
Nel 1926 la Contessa chiede a Charles Montgomery di risolvere il suo “problema“, ovvero una gravidanza che vuole interrompere. Nel momento dell’operazione succede qualcosa di impensabile, il bambino è vivo e attacca l’infermiera, uccidendola. Quando Elizabeth si sveglia, gli annuncia che ha avuto un maschio. La Contessa porta Bartholomew all’Hotel, dove sceglierà per lui la stanza 33, in cui il bambino rimarrà per il resto della sua vita. La Contessa lo va a trovare ogni sera, dimostrando che lui è il suo punto debole. I nemici, infatti, sanno già dove puntare per farle del male. Ramona e Donovan arrivano all’Hotel Cortez per uccidere i bambini di Elizabeth, con l’aiuto di Iris. All'ultimo però Donovan cambia idea, e torna all'attico nella speranza di vedere Elizabeth ma invece vi ritrova Agnetha e Vendela, lei due turiste svedesi, e i tre hanno una conversazione sul trovare il loro scopo dopo la morte. Intanto Iris e Ramona sono più che pronte ad attuare la loro vendetta. Iris deve uccidere i bambini, Ramona deve uccidere Bartholomew. Il piccolo si nasconde nella sua camera e, appena si sente in pericolo, attacca la donna riuscendo poi a scappare.

Dopo avere temuto di perdere per sempre il suo Bartholomew, Elizabeth si ricongiunge alla fine della giornata con il suo piccolo. Ci viene finalmente mostrato il suo volto, non sembra umano, ma essendo stato creato da una persona non viva, non poteva avere che quelle sembianze. Ma questo poco importa a Elizabeth, perché è lui la sua ragione di vita.[5]

Appare in (2/12)
Quinta Stagione (2/12)



BastienModifica

Bastien è un personaggio minore della terza stagione di American Horror Story ed è interpretato dall'attore Ameer Baraka.

Biografia
Nel 1834, durante un'esuberante festa, la padrona di casa, Delphine Lalaurie è intenzionata a trovare un marito alle figlie, che non eccellono in bellezza. Miss Lalaurie è un'abile conversatrice, una donna brillante e intelligente, ma lascia intravedere uno spirito pungente e cinico. Finita la festa, mentre Delphine si sta cospargendo il volto di sangue umano, un personalissimo rituale di bellezza, viene disturbata dal marito che la informa che durante la festa è successo qualcosa di molto grave: la figlia è stata sorpresa con il manutentore, Bastien, un uomo nero, in atteggiamenti promiscui. La reazione della donna è incredibilmente violenta. Decide di incolpare Bastien e di dargli la punizione che secondo lei merita, la tortura. Delphine lo conduce quindi nel solaio della casa, dove altri prigionieri sono tenuti incatenati, e tutti portano i segni di orribili torture. Madame Lalaurie si rivela quindi per quello che è, una sadica sanguinaria che usa il sangue dei suoi prigionieri per preparare il suo unguento di bellezza.

Madame Lalaurie ha punito il suo schiavo Bastien per essersi fatto sedurre da sua figlia. Lo ha incatenato al muro, ha fatto prelevare il suo pancreas per poter preparare la sua speciale crema di bellezza e gli ha infilato una testa di toro per farne il suo minotauro personale.

Un pomeriggio alla sua porta bussa una donna africana che si presenta con il nome di Marie Laveau. La donna sostiene di possedere un infallibile filtro d'amore e Delphine, che da sempre subisce tradimenti dal marito, la fa entrare e accetta di provarlo. Una volta bevuto dalla fiala che la maga le dona, si sente male e perde i sensi. Marie Laveau si rivela dunque la compagna del servo torturato da Delphine e potente praticante della magia voodoo. Ciò che Marie le aveva fatto bere non era un filtro d'amore, ma bensì le sue lacrime, capace di rendere chiunque immortale. Dopo avere ucciso le sue figlie e suo marito, rinchiude la donna in una cassa e la sotterra, costringendola a trascorrere l'eternità imprigionata in quella cassa.

Dopo di che, Marie si reca nella soffitta dove Delphine torturava i suoi schiavi, resuscitando il suo amato Bastien.[6]

Nel 2013, Marie Laveau racconta al compagno, Bastian, che adesso ha davvero l'aspetto di un minotauro, che Fiona Goode ha liberato Delphine dalla sua prigionia. I due hanno intenzione di ritrovare Delphine Lalaurie e portare a termine la vendetta iniziata quasi due secoli prima.[7]

Queenie si fa servire la cena da Delphine, e mentre le due discutono, il Minotauro Bastiene, mandato da Marie, fa irruzione nella scuola. Delphine racconta a Queenie chi è e perchè ce l'ha con lei e chiede alla ragazza di proteggerla. Queenie, servendosi di uno straccio imbevuto del sangue di Delphine, attrae il Minotauro lontano dalla casa e qui cerca di sedurlo. La ragazza è infatti bisogna di amore e affetto, e venendo da sempre dipinta come un mostro dagli altri a causa del suo peso, cerca di aprirsi con la creatura, l'unico che possa comprenderla. Il minotauro però, finisce per violentarla.[8]

Fiona va a controllare cosa stia succedendo all'interno della serra di Cordelia, ritrovando Queenie gravemente ferita, quasi priva di sensi. Alle spalle viene attaccata dal Minotauro, del quale la Suprema si occupa. Il giorno dopo, al salone di Marie Laveau, viene recapitato un pacco. Dentro c'è la testa di Bastien, il Minotauro. Marie è in preda all'ira più funesta. Nonostante la sua collaboratrice cerchi di spingerla a non lasciarsi coinvolgere in una nuova guerra, la strega sembra ormai irremovibile.[9]

Appare in (5/13)
Terza Stagione (5/13)



Beauregard LangdonModifica

Beauregard Langdon è un personaggio minore della prima e ottava stagione di American Horror Story ed è interpretato dall'attore Sam Kinsey.

Biografia
La palla rossa di Beau si vede rotolare nel seminterrato dopo aver giocato con Adelaide.[10]

Violet lo vede mentre si reca in soffitta. Rimane terrorizzata da lui per via del suo aspetto fisico, sebbene apparentemente volesse soltanto giocare con lei.[11]

Violet gioca con lui nel seminterrato quando viene trovata da Ben che le chiede con chi stia parlando. Successivamente, Vivien vede la sua pallina rossa rotolare verso di lei nel corridoio e la raccoglie, anche se Beau non si trova da nessuna parte.[12]

Beau spaventa a morte Stacey Ramos per impedirgli di comprare la casa.[13]

Beau attacca per gioco Madison Montgomery, nonostante Billie Dean Howard gli spieghi che la strega è un'amica della casa.[14]

Appare in (3/22)
Prima Stagione (2/12)

Ottava Stagione (1/10)



BebeModifica

Bebe è un personaggio minore della quinta stagione di American Horror Story interpretata dall'influencer Jessica Lu.

Bebe era una guru della moda, una hipster, che assieme al fidanzato Justin, decise di soggiornare per la notte di Halloween presso il Cortez. La notte stessa però, la ragazza viene brutalmente uccisa e dissanguata da Iris. Essendo morta all'interno dell'edificio assieme al compagno, i due diventano dei fantasmi eternamente intrappolati al suo interno.

Biografia
Iris ammette di essere depressa non solo per il tradimento del figlio ma anche per il fatto che è bloccata in un’età non certo dorata per una donna, ormai è vecchia e invisibile. Nemmeno la stessa Contessa si accorge, almeno apparentemente, del suo cambiamento. Riceve questo odiato trattamento anche dai nuovi ospiti dell’hotel, un paio di hipster arroganti Bebe e Justin, due trendsetter che vogliono fuggire per la notte di Halloween al caos della città. I ragazzi sono scortesi, sfrontati e molto maleducati con la donna. Iris decide così di vendicarsi, e oltre a servirgli cibo per gatti anziché il paté, la donna supera il suo livello di sopportazione e li uccide, nutrendosi di sangue umano per la prima volta, completando la sua trasformazione.[15]

Durante la riunione dei fantasmi del Cortez del 2018, vengono citati i fantasmi di Bebe e Justin. A quanto pare i due infestano i corridoi lamentandosi delle proprietà del cavolo nero.[16]

Appare in (2/12)
Quinta Stagione (2/12)



Borquita LopezModifica

Borquita Lopez è un personaggio minore della terza stagione di American Horror Story ed è interpretato dall'attrice Jennifer Lynn Warren.

Biografia
Nel 1833 tutti ballano alla festa di madame LaLaurie, e l'atmosfera è calda e allegra. Borquita, la figlia maggiore, ha adocchiato un giovane di bell'aspetto, e tra i due sembra esserci un buon feeling. Madame Lalaurie decide di metterlo alla prova, portandolo nella stanza degli orrori. Il ragazzo scappa sconvolto, lasciando di nuovo sola Borquita, che ha ormai perso la speranza di trovare un marito che abbia lo stomaco abbastanza forte da reggere i macabri giochi di sua madre, e medita con le altre sorelle di uccidere la donna per essere finalmente libere. Delphine scopre il piano delle figlie e decide di punirle, rinchiudendole per un anno in solaio, punendole come fa con i suoi schiavi.[17]

Nel 1834, durante un'esuberante festa, la padrona di casa, Delphine Lalaurie è intenzionata a trovare un marito alle figlie, che non eccellono in bellezza. Miss Lalaurie è un'abile conversatrice, una donna brillante e intelligente, ma lascia intravedere uno spirito pungente e cinico.

Un pomeriggio alla sua porta bussa una donna africana che si presenta con il nome di Marie Laveau. La donna sostiene di possedere un infallibile filtro d'amore e Delphine, che da sempre subisce tradimenti dal marito, la fa entrare e accetta di provarlo. Una volta bevuto dalla fiala che la maga le dona, si sente male e perde i sensi. Marie Laveau si rivela dunque la compagna del servo torturato da Delphine e potente praticante della magia voodoo. Ciò che Marie le aveva fatto bere non era un filtro d'amore, ma bensì le sue lacrime, capace di rendere chiunque immortale. Dopo avere ucciso le sue figlie e suo marito, rinchiude la donna in una cassa e la sotterra, costringendola a trascorrere l'eternità imprigionata in quella cassa.[6]

Arriva la notte di Halloween e Marie Laveau decide di iniziare la sua guerra contro le streghe bianche, richiamando di nuovo i morti dalle loro tombe e facendoli marciare verso la scuola, tra i quali, le figlie di Delphine.[9]

Nella casa Delphine si prende cura di Queenie, ancora convalescente. Quando scende a prepararle qualcosa da mangiare si ritrova faccia a faccia con sua figlia Borquita, o con quel che ne resta. Sconvolta dai sensi di colpa per il comportamento crudele avuto con le figlie, apre la porta e la fa entrare, cercando di scusarsi con lei, ma questa la attacca cercando di strangolarla. Queenie, sentendo rumori sospetti provenire dal piano di sotto scende a controllare e cerca di salvare Delphine, che finisce col trafiggere il cadavere della figlia.[17]

Una volta morta, Delphine si risveglia nella sua camera delle torture con indosso vestiti d'epoca e in una gabbia di legno. Il tempo sembra non essere mai passato, ma ora è lei la vittima. Intorno a lei le figlie, imprigionate a loro volta, sembrano aver subito ogni tipo di tortura. E' Marie ad occuparsi di seviziare le ragazze, facendo in modo che la madre sia costretta a guardare. Entrambe non vorrebbero essere lì, ma non possono sottrarsi al volere di Papa Legba. Si trovano infatti nel loro inferno personale, il patto tra Marie e Papa Legba è rotto e le due donne sono intrappolate per l'eternità nella stanza delle torture di Delphine.[18]

Appare in (6/13)
Terza Stagione (6/13)



BrockModifica

Brock è un personaggio minore dell'ottava stagione di American Horror Story, ed è interpretato dall'attore Billy Eichner.

Biografia
Durante l'apocalisse nucleare del 2020, Brock, il fidanzato di Coco, apprende della tragedia dai notiziari e cerca di raggiungere la fidanzata sul suo jet personale per salvarsi. Poiché però Los Angeles è sprofondata nel caos più totale, arrivare da lei diventa impossibile e la fidanzata decide di lasciarlo, abbandonandolo al suo destino.[1]

Brock, sopravvissuto all'inverno nucleare seppure con una serie di malattie gravi e di infezioni che lo hanno deperito nell'aspetto, intercetta la carrozza che Michael Langdon sta facendo arrivare all'Avamposto 3, riuscendo ad infiltrarsi al suo interno. Durante la festa di Halloween, Brock, che si era nascosto sotto alla carrozza e aveva ucciso la guardia, riesce ad attirare Coco in una camera con l'inganno. La donna pensa infatti che si tratti del signor Langdon, e disposta a tutto pur di raggiungere il Santuario, cerca di sedurlo. Quando però Brock si toglie la maschera, rivelandole la sua identità, la uccide per averlo abbandonato a Santa Monica diciotto mesi prima, conficcandole una lama nel cervello.[3]

Determinate a sconfiggere Michael Langdon una volta per tutte, le streghe raggiungono l'Avamposto 3. Tra i corridoi dell'Avamposto 3 però, Mallory viene trafitta da Brock, il vendicativo fidanzato di Coco, prima ancora che la ragazza possa lanciare il suo incantesimo. Prima che l'uomo possa infierire ulteriormente sulla sua vittima, Myrtle lo brucia vivo con il potere della sua Pirocinesi. La caduta del cadavere ardente dell'uomo dal piano superiore distrae l'attenzione di Madison da Michael, il quale torna in vita e, con un schiocco di dita, le fa saltare in aria la testa. La morte di Brock venne invertita da un viaggio temporale di Mallory utilizzando il Tempus Infinitum.[4]

Appare in (3/10)
Ottava Stagione (3/10)



CModifica

Madre ClaudiaModifica

Madre Claudia è un personaggio minore della seconda stagione di American Horror Story ed è interpretato dall'attrice Barbara Tarbuck.

Biografia
Suor Jude racconta alla madre superiora Claudia di come Mary Eunice sia stata posseduta dal demonio, e che l'unico modo per liberarla, sarà ucciderla.[19]

In seguito al suo internamento, madre Claudia fa visita a Jude per informarsi circa la sua condizione. Jude le chiede quindi un ultimo favore: portare in salvo l'innocente Lana Winters, farla evadere da Briarcliff prima che sia troppo tardi anche per lei.[20]

Appare in (5/13)
Seconda Stagione (5/13)



DModifica

Devan CampbellModifica

Stu è un personaggio minore e il prossimo Anticristo dell'ottava stagione di American Horror Story, ed è interpretato dall'attore Nicholas Hodge.

Biografia
Nel 2020, nella linea temporale ristabilita, Timothy ed Emily si incontrano per la prima volta fuori da un bar quando la ragazza, protestando per una giusta causa, urta accidentalmente Timothy, facendogli versare il suo caffè per terra. Emily lo invita ad uscire e i due incominciano a frequentarsi. Un anno più tardi nel 2021, Emily dà alla luce il loro primo figlio. Tre anni dopo, nel 2024, tornati a casa da una cena romantica, Emily e Timothy scoprono che il bambino ha ucciso la baby-sitter, tagliandole la gola. Poco dopo Anton LaVey, Miriam Mead e Samantha Crowe, i messaggeri della Chiesa Nera, giungono presso l'abitazione per conoscere il bambino.[4]

Appare in (1/10)
Ottava Stagione (1/10)



EModifica

Amazon EveModifica

Eve, meglio conosciuta con il suo nome da performer Amazon Eve, è un personaggio minore della quarta stagione di American Horror Story ed è interpretato dall'attrice Erika Ervin.

Biografia
Eve è una donna anormalmente alta che suona il pianoforte nei numeri musicali dello spettacolo. Il suo ruolo è stato determinante nell'aiutare Jimmy Darling a proteggere il loro freak show dagli attacchi esterni.

Amazon Eve vanta anche una grande forza. Quando Dell Toledo, l'uomo forzuto del circo, tentò di ucciderla nel sonno, Eve fu in grado di disarmarlo e sottometterlo, gettandolo fuori dalla sua roulotte. Nella carovana di Ethel Darling mentre fa raffreddare la mano gonfia in un secchio di acqua ghiacciata, discute con gli altri freaks se dovrebbero bandire Dell o ucciderlo.[21]

Dopo aver acquistato il circo tutto per se, Dandy viene aggredito da Paul, Penny, Amazon Eve, Suzi e Barbara, che si licenziano per via dell'arroganza dimostrata nei loro confronti. Il giorno successivo, mentre tutti sono occupati a fare i bagagli, Dandy, armato di una pistola, uccide tutti i freaks, compiendo un vero e proprio massacro. Gli unici superstiti sono Jimmy, Bette, Dott e Desiree.[22]

Appare in (13/13)
Quarta Stagione (13/13)



FModifica

The FistModifica

The Fist è un personaggio minore dell'ottava stagione di American Horror Story, ed è interpretato dall'attrice Erika Ervin.

Biografia
The Fist è il capo della sicurezza all'interno dell'Avamposto 3.[1]

Brock, sopravvissuto all'inverno nucleare seppure con una serie di malattie gravi e di infezioni che lo hanno deperito nell'aspetto, intercetta la carrozza che Michael Langdon sta facendo arrivare all'Avamposto 3, riuscendo ad infiltrarsi al suo interno. Per riuscire ad infiltrarsi nella struttura ed uccidere la fidanzata Coco, Brock uccide The Fist.[23]

La morte di The Fist venne invertita da un viaggio temporale di Mallory utilizzando il Tempus Infinitum.[4]

Appare in (3/10)
Ottava Stagione (3/10)



Friedrich Wilhelm MurnauModifica

Friedrich Wilhelm Murnau è un personaggio minore della quinta stagione di American Horror Story ed è interpretato dall'attore Henrik Rutgersson.

Murnau era un famoso regista tedesco noto per la produzione del film "Nosferatu". Durante le riprese del film, Murnau scoprì l'esistenza dei "veri vampiri", umani afflitti da un misterioso virus del sangue, capace di concedere loro immortalità ed eterna giovinezza. Durante un viaggio in treno Murnau conobbe Rudolph Valentino e decise di infettarlo.

Biografia
Durante il '900, il santo F.W Murnau, il più grande regista tedesco di film horror muti e il primo ad aver portato i vampiri sullo schermo. Il regista è ben consapevole che l’era del cinema muto è molto vicina alla sua fine, e con essa crolleranno anche i suoi miti, Valentino compreso. Presso i Monti Carpazi, era stato partecipe di un'orgia, dalla quale uscì infettato da un antico virus, che lo rese immortale ed eternamente giovane. Dopo avere incontrato Rudolph durante un lungo viaggio in treno, gli propone di seguire il suo stesso percorso e diventare immortale. Persuaso dall'uomo, Rudolph sceglie di vivere per sempre, ma di rinunciare anche alla carriera di attore.[24]

Appare in (1/12)
Quinta Stagione (1/12)



GModifica

Gary LongstreetModifica

Gary Longstreet è un personaggio minore della settima stagione di American Horror Story, ed è interpretato dall'attore Chaz Bono.

Biografia
Durante le settimane precedenti alle elezioni, Winter conobbe Ivy ad una manifestazione pro-Hillary, dopo averla difesa dalle offese omofobe, sessiste e dispregiative di Gary Longstreet, un fervido sostenitore di Trump. Winter ed Ivy, arrabbiate, legarono l'uomo in un seminterrato per impedirgli di recarsi al seggio elettorale il giorno delle elezioni, e votare. Seppur ancora sanguinante, Gary si recò comunque al seggio per votare Trump, dove conobbe Kai Anderson, che premiando la sua determinazione, lo invitò ad unirsi alla sua setta di assassini.[25]

Come simbolo di protesta contro le donne e l'aborto spontaneo, Kai invia Gary e i suoi uomini in un ospedale specializzato per gli aborti per uccidere varie donne. Questo però si rivela essere soltanto un piano di Kai per uccidere Gary e liberarsene. L'uomo infatti viene ucciso e il cadavere viene fatto ritrovare la mattina seguente, sventrato, davanti le porte dell'ospedale.[26]

Appare in (8/11)
Settima Stagione (8/11)



IModifica

Ima WigglesModifica

Ima Wiggles, il cui vero nome è Barbara, è un personaggio minore della quarta stagione di American Horror Story ed è interpretato dall'attrice Chrissy Metz.

Biografia
Barbara è una circense, obesa patologica, di Park Avenue che Elsa Mars ha reclutato da una struttura. Le venne dato il nome d'arte di "Ima Wiggles".

Jimmy Darling, a causa della morte della madre, perde ogni speranza ed allontana persino la fidanzata Maggie Esmerelda, per poi finire per essere consolato fra le braccia di Ima Wiggles, con la quale.[27]

Dopo aver acquistato il circo tutto per se, Dandy viene aggredito da Paul, Penny, Amazon Eve, Suzi e Barbara, che si licenziano per via dell'arroganza dimostrata nei loro confronti. Il giorno successivo, mentre tutti sono occupati a fare i bagagli, Dandy, armato di una pistola, uccide tutti i freaks, compiendo un vero e proprio massacro. Gli unici superstiti sono Jimmy, Bette, Dott e Desiree.[22]

Appare in (5/13)
Quarta Stagione (5/13)



JModifica

Jeanne LaLaurieModifica

Jeanne LaLaurie è un personaggio minore della terza stagione di American Horror Story ed è interpretato dall'attrice Ashlynn Ross.

Biografia
Nel 1833 tutti ballano alla festa di madame LaLaurie, e l'atmosfera è calda e allegra. Borquita, la figlia maggiore, ha adocchiato un giovane di bell'aspetto, e tra i due sembra esserci un buon feeling. Madame Lalaurie decide di metterlo alla prova, portandolo nella stanza degli orrori. Il ragazzo scappa sconvolto, lasciando di nuovo sola Borquita, che ha ormai perso la speranza di trovare un marito che abbia lo stomaco abbastanza forte da reggere i macabri giochi di sua madre, e medita con le altre sorelle di uccidere la donna per essere finalmente libere. Delphine scopre il piano delle figlie e decide di punirle, rinchiudendole per un anno in solaio, punendole come fa con i suoi schiavi.[17]

Nel 1834, durante un'esuberante festa, la padrona di casa, Delphine Lalaurie è intenzionata a trovare un marito alle figlie, che non eccellono in bellezza. Miss Lalaurie è un'abile conversatrice, una donna brillante e intelligente, ma lascia intravedere uno spirito pungente e cinico.

Un pomeriggio alla sua porta bussa una donna africana che si presenta con il nome di Marie Laveau. La donna sostiene di possedere un infallibile filtro d'amore e Delphine, che da sempre subisce tradimenti dal marito, la fa entrare e accetta di provarlo. Una volta bevuto dalla fiala che la maga le dona, si sente male e perde i sensi. Marie Laveau si rivela dunque la compagna del servo torturato da Delphine e potente praticante della magia voodoo. Ciò che Marie le aveva fatto bere non era un filtro d'amore, ma bensì le sue lacrime, capace di rendere chiunque immortale. Dopo avere ucciso le sue figlie e suo marito, rinchiude la donna in una cassa e la sotterra, costringendola a trascorrere l'eternità imprigionata in quella cassa.[6]

Arriva la notte di Halloween del 2014 e Marie Laveau decide di iniziare la sua guerra contro le streghe bianche, richiamando di nuovo i morti dalle loro tombe e facendoli marciare verso la scuola, tra i quali, le figlie di Delphine.[9] Gli zombie vengono tutti sventrati e smembrati da Zoe Benson con una motosega.[17]

Una volta morta, Delphine si risveglia nella sua camera delle torture con indosso vestiti d'epoca e in una gabbia di legno. Il tempo sembra non essere mai passato, ma ora è lei la vittima. Intorno a lei le figlie, imprigionate a loro volta, sembrano aver subito ogni tipo di tortura. E' Marie ad occuparsi di seviziare le ragazze, facendo in modo che la madre sia costretta a guardare. Entrambe non vorrebbero essere lì, ma non possono sottrarsi al volere di Papa Legba. Si trovano infatti nel loro inferno personale, il patto tra Marie e Papa Legba è rotto e le due donne sono intrappolate per l'eternità nella stanza delle torture di Delphine.[18]

Appare in (5/13)
Terza Stagione (5/13)



JustinModifica

Justin è un personaggio minore della quinta stagione di American Horror Story interpretato dall'attore Darren Criss.

Justin era un guru della moda, un hipster, che assieme alla fidanzata Justin, decise di soggiornare per la notte di Halloween presso il Cortez. La notte stessa però, il ragazzo viene brutalmente ucciso e dissanguato da Iris. Essendo morto all'interno dell'edificio assieme alla compagna, i due diventano dei fantasmi eternamente intrappolati al suo interno.

Biografia
Iris ammette di essere depressa non solo per il tradimento del figlio ma anche per il fatto che è bloccata in un’età non certo dorata per una donna, ormai è vecchia e invisibile. Nemmeno la stessa Contessa si accorge, almeno apparentemente, del suo cambiamento. Riceve questo odiato trattamento anche dai nuovi ospiti dell’hotel, un paio di hipster arroganti Bebe e Justin, due trendsetter che vogliono fuggire per la notte di Halloween al caos della città. I ragazzi sono scortesi, sfrontati e molto maleducati con la donna. Iris decide così di vendicarsi, e oltre a servirgli cibo per gatti anziché il paté, la donna supera il suo livello di sopportazione e li uccide, nutrendosi di sangue umano per la prima volta, completando la sua trasformazione.[15]

Durante la riunione dei fantasmi del Cortez del 2018, vengono citati i fantasmi di Bebe e Justin. A quanto pare i due infestano i corridoi lamentandosi delle proprietà del cavolo nero.[16]

Appare in (2/12)
Quinta Stagione (2/12)



Jed PotterModifica

Jed Potter è un personaggio minore della seconda stagione di American Horror Story ed è interpretato dall'attore Devon Graye.

Biografia
È il 1964, la vigilia di Halloween e nel manicomio di Briarcliff, giunge un nuovo paziente, un ragazzino di diciassette anni tale Jed Potter, posseduto dal demonio. Durante il suo esorcismo però, il ragazzino riesce a scagliare il prete contro il muro, e una volta entrato in contatto con suor Jude, le fa rivivere tutti i peccati che ha commesso in passato, il più grave dei quali, coinvolge l'incidente di una bambina mentre la donna si trovava alla guida ubriaca e fuori di sé. Mentre suor Jude tenta di terminare il rito, va via la luce e tutte le porte del manicomio si aprono e gli internati cercano di scappare. Jed muore durante l'esorcismo e nello stesso istante in cui il bambino esala il suo ultimo respiro, Mary Eunice perde i sensi.[28]

Appare in (2/13)
Seconda Stagione (2/13)



Jeff PfisterModifica

Jeff Pfister è un personaggio minore dell'ottava stagione di American Horror Story, ed è interpretato dall'attore Evan Peters.

Biografia
Madelaine scorta allora Michael Langdon verso un'organizzazione privata di satanisti che potrebbe aiutarlo a portare l'apocalisse nel mondo. Nel quartier generale, due scienziati adoratori di satana di nome Jeff e Mutt, lavorano su una linea di prodotti di automa robotica e sniffano coca. Esaurendo la coca, Mutt contatta immediatamente la reception dove Miss Venable annuncia loro l'arrivo della loro prossima scorta. Venable porta loro la coca e li avvisa dell'arrivo di Michael. Per dare prova di essere davvero l'Anticristo, Micheal da prima uccide una giovane prostituta, per poi incenerire la sua anima tra le fiamme. Dopo di che Micheal ordina loro di aiutarlo a riavere indietro la sua aiutante Mead. Jeff e Mutt iniziano la loro costruzione sull'automa di Mead, per poi presentare il prodotto finale a Michael. Quando l'automa si sveglia, poiché i due scienziati le hanno impiantato tutti i ricordi appartenuti all'originale signorina Mead, lei immediatamente riconosce Michael, spiegandogli quanto le sia mancato.[29]

Mutt e Jeff, la coppia di scienziati satanisti ai quali Michael si è affidato per la costruzione del cyborg della signorina Mead, ne hanno abbastanza di com'è fatto il mondo e desidererebbero soltanto poterlo radere al suolo. Venable fa il suo ingresso nel laboratorio per ricordare loro della riunione della Corporazione che si terrà la prossima settimana. La donna vorrebbe poter fare di più, magari entrare persino a fare parte del progetto, ma viene rifiutata. Profondamente offesa, Venable decide di lasciare l'azienda privata.

Mutt e Jeff, che in segreto controllano la signorina Mead, convincono Michael ad incontrarli per un'ultima volta. Capendo di cosa in realtà sia capace, i due lo introducono alla "Corporazione", un'organizzazione segreta che comprende le cento persone più potenti al mondo, siano essi capi di stato o ricchi imprenditori. Il vero nome dell'organizzazione è però "Gli Illuminati". Sono queste persone in realtà a governare il mondo, e ciascuno di loro ha venduto la propria anima al diavolo, ciò significa che Michael ha il potere di controllarli tutti. Jeff e Mutt fanno quindi capire a Michael di non avere bisogno della magia per causare la fine del mondo, gli basterà controllare le loro armi nucleari. La scienza e la matematica infatti, sono armi ben più potenti della magia stessa. Michael acconsente, pur di uccidere le ultime streghe rimaste.

Mentre Venable sta raccogliendo i propri oggetti personali per lasciare il proprio ufficio, viene raggiunta da Jeff e Mutt, i quali le spiegano dell'esistenza della Corporazione, raccontandole dell'imminente fine del mondo. In questo modo le propongono di guidare uno degli "Avamposti" in veste di responsabile, ovvero dei santuari dove, in seguito all'apocalisse nucleare della Terra, soltanto gli "eletti" potranno trovare rifugio.[30]

Per assicurare un posto all'interno dell'Avamposto 3 a Mallory grazie ai soldi di Coco, Myrtle si introduce presso la Kineros Robotics, superando ogni difesa grazie ai suoi incantesimi. Myrtle raggiunge quindi l'ufficio di Wilhemina Venable, segretaria di Jeff e Mutt, i due scienziati che la strega è ansiosa di incontrare. Wilhemina cerca di cacciarla via ma Myrtle, utilizzando il potere del Concilium e controllando la mente della donna, riesce ad ottenere il suo lascio passere. Intanto nel loro laboratorio, Mutt informa Jeff che Langdon desidera che la signorina Mead venga portata al sicuro all'interno dell'Avamposto 3. I due dovranno inoltre cancellare la memoria al cyborg, così che questa non si ricordi che Michael sia in realtà l'Anticristo che ha portato l'apocalisse nel mondo. Poco dopo, Jeff e Mutt vengono raggiunti da Myrtle Snow, la quale, utilizzando nuovamente il potere del Concilium, li costringe ad assicurare a Mallory e Coco un posto all'interno dell'Avamposto 3.

La morte di Jeff venne invertita da un viaggio temporale di Mallory utilizzando il Tempus Infinitum.[4]

Appare in (3/10)
Ottava Stagione (3/10)



LModifica

LeahModifica

Leah è un personaggio minore della prima stagione di American Horror Story ed è interpretato dall'attrice Shelby Young.

Biografia
Violet Harmon si trasferisce nella nuova città dove inizia a frequentare una nuova scuola. Già da subito si scontra con delle coetanee, in particolare Leah. La ragazza non tollera il fatto che Violet fumi tra i corridoi della scuola indisturbata. Per rimetterla al suo posto, Violet e Tate le organizzano uno scherzo nella cantina della Murder House. Lo scherzo sfugge loro di mano quando Tate e Infantata quasi uccidono Leah, sfigurandole il volto.[31]

Pochi giorni dopo, Violet incontra Leah in una piscina abbandonata, adesso convertita in uno skate park. Leah chiede a Violet se creda nel Diavolo, perché la sera dello scherzo, pensa proprio di essere riuscita a vederlo. Le confessa inoltre che i capelli le sono diventati bianchi per lo spavento. In questo modo Violet realizza quanto Tate sia veramente pericoloso.[10]

Violet e Leah si incontrano per una seconda volta alla piscina per discutere delle loro paure e paranoie in seguito a quella notte. Leah consegna inoltre una manciata di pillole per il sonno che la possano aiutare a dormire. Con queste pillole però, Violet tenterà di suicidarsi per overdose.[32]

Appare in (3/12)
Prima Stagione (3/12)



Louis LaLaurieModifica

Louis LaLaurie è un personaggio minore della terza stagione di American Horror Story ed è interpretato dall'attore Scott Michael Jefferson.

Biografia
Nel 1834, durante un'esuberante festa, la padrona di casa, Delphine Lalaurie è intenzionata a trovare un marito alle figlie, che non eccellono in bellezza. Miss Lalaurie è un'abile conversatrice, una donna brillante e intelligente, moglie di Louis, ma lascia intravedere uno spirito pungente e cinico. Finita la festa, mentre Delphine si sta cospargendo il volto di sangue umano, un personalissimo rituale di bellezza, viene disturbata dal marito che la informa che durante la festa è successo qualcosa di molto grave: la figlia è stata sorpresa con il manutentore, un uomo di colore, in atteggiamenti promiscui. La reazione della donna è incredibilmente violenta. Decide di incolpare l'uomo e di dargli la punizione che secondo lei merita, la tortura. Delphine lo conduce quindi nel solaio della casa, dove altri prigionieri sono tenuti incatenati, e tutti portano i segni di orribili torture. Madame Lalaurie si rivela quindi per quello che è, una sadica sanguinaria che usa il sangue dei suoi prigionieri per preparare il suo unguento di bellezza.

Madame Lalaurie ha punito il suo schiavo per essersi fatto sedurre da sua figlia. Lo ha incatenato al muro, ha fatto prelevare il suo pancreas per poter preparare la sua speciale crema di bellezza e gli ha infilato una testa di toro per farne il suo minotauro personale. Il marito si congratula con lei per l'idea.[6]

A un certo punto, Louis intraprese una relazione con una schiava delle cucine di nome Sally, e lei dà alla luce un bambino. Delphine, consapevole che questo figlio è di Louis, lo fa uccidere gettandolo da un balcone.[7]

Un pomeriggio alla sua porta bussa una donna africana che si presenta con il nome di Marie Laveau. La donna sostiene di possedere un infallibile filtro d'amore e Delphine, che da sempre subisce tradimenti dal marito, la fa entrare e accetta di provarlo. Una volta bevuto dalla fiala che la maga le dona, si sente male e perde i sensi. Marie Laveau si rivela dunque la compagna del servo torturato da Delphine e potente praticante della magia voodoo. Ciò che Marie le aveva fatto bere non era un filtro d'amore, ma bensì le sue lacrime, capace di rendere chiunque immortale. Dopo avere ucciso le sue figlie e suo marito, rinchiude la donna in una cassa e la sotterra, costringendola a trascorrere l'eternità imprigionata in quella cassa.[6]

Appare in (4/13)
Terza Stagione (4/13)



MModifica

Max EllisonModifica

Max Ellison è un personaggio minore della quinta stagione di American Horror Story ed è interpretato dall'attore Anton Starkman.

Nel 2015, Max prese il morbillo. Per evitare che muoia, la sua dottoressa, Alex Lowe, è costretta a infettarlo con il virus antico, trasformandolo in un essere immortale. Non riuscendo a contenere la propria sete di sangue, Max uccise la sua famiglia, i suoi insegnanti e infettò i suoi compagni di classe. Alex e John Lowe sono così costretti e mettere fino alla sua vita e a quella dei suoi amici prima che la situazione peggiori.

Biografia
Dopo un consulto medico al figlio della signora Eddison, Alex le rivela che il bambino ha il morbillo e consiglia alla donna di farlo vaccinare al più presto.[33]

Non avendolo vaccinato, le condizioni del bambino peggiorano. Alex diagnostica al giovane Max Ellison una polmonite associata al morbillo e porta immediatamente il bambino in ospedale per fargli una flebo di antibiotici.[34] In punto di morte, Alex è costretta a infettare Max con il proprio virus, trasformandolo in un Afflitto.[15]

Max ormai guarito, ritorna a scuola per la festa di Halloween vestito da pirata. Non riuscendo a controllare la sua sete, uccide l'insegnante che odiava e davanti a tutta la classe, beve del sangue. Vedendo che il resto dei suoi compagni non è spaventato da ciò che è diventato ma eccitati all'idea di potere diventare come lui, Max li trasforma tutti in Afflitti. Dopo di che, i bambini desiderosi di bere sangue umano, uccidono tutti gli insegnanti e i collaboratori scolastici.

Alex nel frattempo ha scovato la baby gang di Afflitti delle scuole elementari, che a quanto pare hanno seminato il caos per la città, uccidendo in primo luogo i loro genitori. Tenta di portare i bambini indietro al Cortez, ma questi rifiutano l'aiuto e fuggono, nonostante gli sforzi di Alex, continuando a mietere vittime.[35]

Jon aiuta Alex a risolvere il suo problema con i giovani Afflitti che stanno invadendo le strade della città. John e Alex riaccendono in questo modo il loro rapporto collaborando tra loro per trovare i bambini che sono stati contagiati conseguentemente al tentativo di Alex di salvare uno dei suoi pazienti con il proprio sangue. Quindi rintracciano i bambini e li convincono a tornare in albergo, e con un inganno li rinchiudono insieme a Ramona nel corridoio segreto dell’hotel, dove finiscono divorati dalla donna, che dopo essersi cibata di Will Drake pochi giorni prima, muore di fame.[36]

Quando Iris e Liz decidono di liberare Ramona dalla sua prigionia, notano con orrore che la donna si è cibata di tutti i bambini.[37]

Appare in (6/12)
Quinta Stagione (6/12)



MeepModifica

Meep, meglio conosciuto con il suo nome da performer Meep! per via dell'unico suono che riesce ad emettere dalla bocca, è un personaggio minore della quarta stagione di American Horror Story ed è interpretato dall'attore Benjamin Woolf.

Biografia
Meep era un omuncolo e circense, capace di emettere dalla bocca un singolo suono, un Meep!. Durante gli spettacoli, si esibiva strappando a morsi il collo di alcuni piccioni per mezzo dei suoi denti appuntiti.[38]

La polizia torna ad indagare nel campo dei freaks circa i misteriosi omicidi avvenuti di recente nella contea, dopo aver ricevuto un messaggio anonimo che li ha portati a Dell Toledo. Per liberarsi di lui, Jimmy Darling ha infatti nascosto il distintivo del detective defunto all'interno del suo camper. Dell però, accorgendosi dell'accaduto, lo ha spostato sotto al letto del povero Meep. L'uomo viene arrestato e in carcere, viene picchiato a morte dagli altri detenuti, ritenendolo copevole di una serie di omicidi che coinvolgevano un gruppo di bambini. Il cadavere di Meep venne fatto recapitare poco dopo nuovamente al circo, provocando l'orrore di Jimmy e dei suoi compagni.[39]

Appare in (3/13)
Quarta Stagione (3/13)



Mutt NutterModifica

Mutt Nutter è un personaggio minore dell'ottava stagione di American Horror Story, ed è interpretato dall'attore Billy Eichner.

Biografia
Madelaine scorta allora Michael Langdon verso un'organizzazione privata di satanisti che potrebbe aiutarlo a portare l'apocalisse nel mondo. Nel quartier generale, due scienziati adoratori di satana di nome Jeff e Mutt, lavorano su una linea di prodotti di automa robotica e sniffano coca. Esaurendo la coca, Mutt contatta immediatamente la reception dove Miss Venable annuncia loro l'arrivo della loro prossima scorta. Venable porta loro la coca e li avvisa dell'arrivo di Michael. Per dare prova di essere davvero l'Anticristo, Micheal da prima uccide una giovane prostituta, per poi incenerire la sua anima tra le fiamme. Dopo di che Micheal ordina loro di aiutarlo a riavere indietro la sua aiutante Mead. Jeff e Mutt iniziano la loro costruzione sull'automa di Mead, per poi presentare il prodotto finale a Michael. Quando l'automa si sveglia, poiché i due scienziati le hanno impiantato tutti i ricordi appartenuti all'originale signorina Mead, lei immediatamente riconosce Michael, spiegandogli quanto le sia mancato.[29]

Mutt e Jeff, la coppia di scienziati satanisti ai quali Michael si è affidato per la costruzione del cyborg della signorina Mead, ne hanno abbastanza di com'è fatto il mondo e desidererebbero soltanto poterlo radere al suolo. Venable fa il suo ingresso nel laboratorio per ricordare loro della riunione della Corporazione che si terrà la prossima settimana. La donna vorrebbe poter fare di più, magari entrare persino a fare parte del progetto, ma viene rifiutata. Profondamente offesa, Venable decide di lasciare l'azienda privata.

Mutt e Jeff, che in segreto controllano la signorina Mead, convincono Michael ad incontrarli per un'ultima volta. Capendo di cosa in realtà sia capace, i due lo introducono alla "Corporazione", un'organizzazione segreta che comprende le cento persone più potenti al mondo, siano essi capi di stato o ricchi imprenditori. Il vero nome dell'organizzazione è però "Gli Illuminati". Sono queste persone in realtà a governare il mondo, e ciascuno di loro ha venduto la propria anima al diavolo, ciò significa che Michael ha il potere di controllarli tutti. Jeff e Mutt fanno quindi capire a Michael di non avere bisogno della magia per causare la fine del mondo, gli basterà controllare le loro armi nucleari. La scienza e la matematica infatti, sono armi ben più potenti della magia stessa. Michael acconsente, pur di uccidere le ultime streghe rimaste.

Mentre Venable sta raccogliendo i propri oggetti personali per lasciare il proprio ufficio, viene raggiunta da Jeff e Mutt, i quali le spiegano dell'esistenza della Corporazione, raccontandole dell'imminente fine del mondo. In questo modo le propongono di guidare uno degli "Avamposti" in veste di responsabile, ovvero dei santuari dove, in seguito all'apocalisse nucleare della Terra, soltanto gli "eletti" potranno trovare rifugio.[30]

Per assicurare un posto all'interno dell'Avamposto 3 a Mallory grazie ai soldi di Coco, Myrtle si introduce presso la Kineros Robotics, superando ogni difesa grazie ai suoi incantesimi. Myrtle raggiunge quindi l'ufficio di Wilhemina Venable, segretaria di Jeff e Mutt, i due scienziati che la strega è ansiosa di incontrare. Wilhemina cerca di cacciarla via ma Myrtle, utilizzando il potere del Concilium e controllando la mente della donna, riesce ad ottenere il suo lascio passere. Intanto nel loro laboratorio, Mutt informa Jeff che Langdon desidera che la signorina Mead venga portata al sicuro all'interno dell'Avamposto 3. I due dovranno inoltre cancellare la memoria al cyborg, così che questa non si ricordi che Michael sia in realtà l'Anticristo che ha portato l'apocalisse nel mondo. Poco dopo, Jeff e Mutt vengono raggiunti da Myrtle Snow, la quale, utilizzando nuovamente il potere del Concilium, li costringe ad assicurare a Mallory e Coco un posto all'interno dell'Avamposto 3.

La morte di Mutt venne invertita da un viaggio temporale di Mallory utilizzando il Tempus Infinitum.[4]

Appare in (3/10)
Ottava Stagione (3/10)



OModifica

Oz Mayfair-RichardsModifica

Oz Mayfair-Richards è un personaggio minore della settima stagione di American Horror Story, ed è interpretato dall'attore Cooper Dodson.

Biografia
Kai Anderson costrinse la sorella Winter a diventare la baby-sitter della famiglia Mayfair-Richards e del loro figlioletto, Oz. Per tenere al sicuro il figlio Oz, Ally e Ivy decidono di assumere Winter Anderson come baby-sitter. Quando però Ivy scopre dell'innocente bacio tra la tata e la moglie Ally, questa racconta al dottor Rudy Vincent, suo terapista, di come Ivy se ne sia andata via di casa con Oz, le abbia tolto le carte di credito, la costringa a vedere Oz sotto sorveglianza e l'abbia lasciata sola, preda dei suoi incubi.[25][40]

L'anno successivo Ally, uscita dal manicomio, determinata a riprendere il controllo sulla sua vita e ad ottenere l'affidamento di Oz, decide di unirsi alla setta criminale di Kai e mette in atto la propria vendetta contro Ivy, avvelenandola. In seguito, Ally complotta perché nella cartella del donatore di sperma di Oz risulti che Kai è il vero padre in modo da tenere il figlio al sicuro e manipolare Kai: ora che Ivy è morta, loro tre potranno essere una vera famiglia.[41]

Qualche mese più tardi, Ally riesce ad incastrare Kai per i suoi crimini. Adesso, Ally e Oz possono tornare ad essere una famiglia felice.[42]

Appare in (6/11)
Settima Stagione (6/11)



PModifica

PaulModifica

Paul, meglio conosciuto con il suo nome da performer Uomo-foca, è un personaggio minore della quarta stagione di American Horror Story ed è interpretato dall'attore Mat Fraser.

Biografia
Paul nacque con la focomelia, una rara malformazione congenita degli arti. Entrambe le braccia hanno l'aspetto di una pinna che, unite al suo busto tatuato, gli valsero il nome di "Uomo-foca". Si esibisce nel Freak Show di Elsa Mars come batterista. Cresciuto in Inghilterra, venne costantemente discriminato e deriso a causa della sua deformità. Ispirato dal fascino dei film di Hollywood, emigrò in America alla ricerca della possibilità di ricominciare, soltanto per subire ulteriori discriminazioni. Per rabbia, decise di diventare il mostro che tutti lo definivano, arrivando a tatuarsi tutto il corpo. Tuttavia, la vanità gli impedì di rovinare il suo bel visino.[43]

Paul si unì quindi al freak show di Elsa Mars, con la quale ingaggiò ulteriormente una relazione sessuale segreta. Un giorno però, Paul fece la conoscenza di Penny, l'unica donna a non averlo mai giudicato per il suo aspetto. I due si innamorano e incominciano una relazione. Penny, dopo essersi presa cura di Paul, torna a casa per comunicare al padre del suo trasferimento definitivo presso il freak show della contea, ma lui, intenzionato a non lasciarla andare, lui la droga e facendole perdere i sensi, le sfigura completamente in volto in modo che assomigli ad una lucertola umana, facendole tatuare la testa ed il volto e tagliandole inoltre la lingua perché assumesse una forma biforcuta. La sera stessa Penny fece ritorno da Paul e si unì al circo.[21]

Dopo aver acquistato il circo tutto per se, Dandy viene aggredito da Paul, Penny, Amazon Eve, Suzi e Barbara, che si licenziano per via dell'arroganza dimostrata nei loro confronti. Il giorno successivo, mentre tutti sono occupati a fare i bagagli, Dandy, armato di una pistola, uccide tutti i freaks, compiendo un vero e proprio massacro. Gli unici superstiti sono Jimmy, Bette, Dott e Desiree.[22]

Appare in (11/13)
Quarta Stagione (11/13)



Pauline LaLaurieModifica

Pauline LaLaurie è un personaggio minore della terza stagione di American Horror Story ed è interpretato dall'attrice Raeden Greer.

Biografia
Nel 1833 tutti ballano alla festa di madame LaLaurie, e l'atmosfera è calda e allegra. Borquita, la figlia maggiore, ha adocchiato un giovane di bell'aspetto, e tra i due sembra esserci un buon feeling. Madame Lalaurie decide di metterlo alla prova, portandolo nella stanza degli orrori. Il ragazzo scappa sconvolto, lasciando di nuovo sola Borquita, che ha ormai perso la speranza di trovare un marito che abbia lo stomaco abbastanza forte da reggere i macabri giochi di sua madre, e medita con le altre sorelle di uccidere la donna per essere finalmente libere. Delphine scopre il piano delle figlie e decide di punirle, rinchiudendole per un anno in solaio, punendole come fa con i suoi schiavi.[17]

Nel 1834, durante un'esuberante festa, la padrona di casa, Delphine Lalaurie è intenzionata a trovare un marito alle figlie, che non eccellono in bellezza. Miss Lalaurie è un'abile conversatrice, una donna brillante e intelligente, ma lascia intravedere uno spirito pungente e cinico. Finita la festa, mentre Delphine si sta cospargendo il volto di sangue umano, un personalissimo rituale di bellezza, viene disturbata dal marito che la informa che durante la festa è successo qualcosa di molto grave: la figlia è stata sorpresa con il manutentore, un uomo di colore, in atteggiamenti promiscui. La reazione della donna è incredibilmente violenta. Decide di incolpare l'uomo e di dargli la punizione che secondo lei merita, la tortura. Delphine lo conduce quindi nel solaio della casa, dove altri prigionieri sono tenuti incatenati, e tutti portano i segni di orribili torture. Madame Lalaurie si rivela quindi per quello che è, una sadica sanguinaria che usa il sangue dei suoi prigionieri per preparare il suo unguento di bellezza.

Madame Lalaurie ha punito il suo schiavo per essersi fatto sedurre da sua figlia. Lo ha incatenato al muro, ha fatto prelevare il suo pancreas per poter preparare la sua speciale crema di bellezza e gli ha infilato una testa di toro per farne il suo minotauro personale.

Un pomeriggio alla sua porta bussa una donna africana che si presenta con il nome di Marie Laveau. La donna sostiene di possedere un infallibile filtro d'amore e Delphine, che da sempre subisce tradimenti dal marito, la fa entrare e accetta di provarlo. Una volta bevuto dalla fiala che la maga le dona, si sente male e perde i sensi. Marie Laveau si rivela dunque la compagna del servo torturato da Delphine e potente praticante della magia voodoo. Ciò che Marie le aveva fatto bere non era un filtro d'amore, ma bensì le sue lacrime, capace di rendere chiunque immortale. Dopo avere ucciso le sue figlie e suo marito, rinchiude la donna in una cassa e la sotterra, costringendola a trascorrere l'eternità imprigionata in quella cassa.[6]

Arriva la notte di Halloween del 2014 e Marie Laveau decide di iniziare la sua guerra contro le streghe bianche, richiamando di nuovo i morti dalle loro tombe e facendoli marciare verso la scuola, tra i quali, le figlie di Delphine.[9] Gli zombie vengono tutti sventrati e smembrati da Zoe Benson con una motosega.[17]

Una volta morta, Delphine si risveglia nella sua camera delle torture con indosso vestiti d'epoca e in una gabbia di legno. Il tempo sembra non essere mai passato, ma ora è lei la vittima. Intorno a lei le figlie, imprigionate a loro volta, sembrano aver subito ogni tipo di tortura. E' Marie ad occuparsi di seviziare le ragazze, facendo in modo che la madre sia costretta a guardare. Entrambe non vorrebbero essere lì, ma non possono sottrarsi al volere di Papa Legba. Si trovano infatti nel loro inferno personale, il patto tra Marie e Papa Legba è rotto e le due donne sono intrappolate per l'eternità nella stanza delle torture di Delphine.[18]

Appare in (5/13)
Terza Stagione (5/13)



SModifica

SaltyModifica

Salty è un personaggio minore della quarta stagione di American Horror Story ed è interpretato dall'attore Christopher Neiman.

Biografia
Salty, proprio come Pepper, sua "moglie" per gioco, nacque con la microcefalia.

L'uomo venne salvato da Elsa Mars, che sottraendolo da un passato di abusi a Cincinnati, lo portò al suo freak show, dove conobbe Pepper. I due vennero ufficiosamente uniti nel sacro vincolo del matrimonio in una cerimonia presieduta dalla stessa Elsa.

All'inizio del 1953, Salty morì a causa di un'emorragia cerebrovascolare durante il sonno, una cosa decisamente poco insolita per quelli come lui, a detta della stessa Elsa. Il suo cadavere venne prelevato da Stanley, che aveva convinto Elsa a consentirgli di organizzare i suoi funerali. Al contrario però, Stanley portò la testa di Salty all'American Morbidity Museum, dove venne esposto.

Appare in (6/13)
Quarta Stagione (6/13)



StuModifica

Stu è un personaggio minore dell'ottava stagione di American Horror Story, ed è interpretato dall'attore Chad James Buchanan.

Biografia
In seguito all'apocalisse nucleare del 2021 scatenata da Michael Langdon, Stu, il fidanzato Andre e la madre di lui, Dinah Stevens, trovarono rifugio presso l'Avamposto post-nucleare 3. I tre vengono assegnati ai "Viola", gli elitari che sono stati scelti per sopravvivere. Le regole della casa sono semplici: è vietato uscire dall'edificio a causa delle radiazioni e dei mostri cancerogeni e purulenti oltre i cancelli; inoltre, è vietato qualsiasi tipo di copulazione non autorizzata.

Quando Stu venne accusato di essere stato contaminato, venne ucciso da Miriam Mead. I suoi resti vennero trasformati in uno stufato che venne servito la sera stessa agli ospiti. Il suo fidanzato, Andre, ritrova delle ossa nel suo stufato, e capisce che si tratta dell'amore della sua vita.[1]

In realtà, Stu non è mai stato contaminato, la sua morte venne orchestrata da Venable e Mead per scatenare un senso di paura irrazionale nei residenti dell'Avamposto.[2]

Le morti di Andre, Stu e Dinah vennero in seguito invertite da un viaggio temporale di Mallory utilizzando il Tempus Infinitum.[4]

Appare in (1/10)
Ottava Stagione (1/10)



SuziModifica

Suzi, meglio conosciuta con il suo nome da performer Suzi senza-gambe, è un personaggio minore della quarta stagione di American Horror Story ed è interpretato dall'attrice Rose Siggins.

Biografia
Suzi è una donna senza gambe, costretta a ricorrere alle sue braccia e una tavola a ruote per riuscire a muoversi autonomamente. Quando aveva due anni, riscontrò una malattia spinale che costrinse il suo medico a tagliarle entrambe le gambe. I suoi genitori si arresero e la abbandonarono in un orfanotrofio. Dopo aver lasciato l'orfanotrofio, divenne una mendicante e, gelosa di un altro mendicante, perché egli riceveva più attenzioni e monete di lei perché poteva ballare, lo pugnalò alla gamba. Perforandogli accidentalmente l'arteria però, lo uccise. L'evento la spinse ad unirsi al freak show di Elsa Mars. Suzi, solitamente, versa da bere per le persone, fa il bucato per gli altri freaks e cucina per tutti quanti.

Dopo aver acquistato il circo tutto per se, Dandy viene aggredito da Paul, Penny, Amazon Eve, Suzi e Barbara, che si licenziano per via dell'arroganza dimostrata nei loro confronti. Il giorno successivo, mentre tutti sono occupati a fare i bagagli, Dandy, armato di una pistola, uccide tutti i freaks, compiendo un vero e proprio massacro. Gli unici superstiti sono Jimmy, Bette, Dott e Desiree.[22]

Appare in (10/13)
Quarta Stagione (10/13)



RModifica

R.J.Modifica

R.J. è un personaggio minore della settima stagione di American Horror Story, ed è interpretato dall'attore James Morosini.

Biografia
R.J. lavorava come cameraman per Beverly Hope. Quando la donna decise di unirsi alla setta di Kai Anderson, R.J. fece lo stesso.[44]

Kai, Beverly, Winter, Harrison, Samuels, Gary e R.J. si riuniscono nel sottoscala di Kai per decidere cosa farne con Bob Thompson, l'ingiusto direttore di Beverly. Ivy e R.J. vorrebbero discutere sul fatto di poterlo risparmiare, ma Kai non ci pensa due volte e si lancia sull'uomo, uccidendolo con un colpo netto al cuore. R.J però non riesce a filmare l'omicidio di Bob perché troppo sensibile.

Successivamente, Beverly e Kai si ritrovano per prendere un caffè nel ristorante di Ally e Ivy. Decidono così di eliminare l'anello debole del gruppo: R.J. Il ragazzo è troppo pauroso ed emotivo per compiere gli omicidi necessari alla loro causa. Legato ad una sedia, Kai gli pianta una serie di chiodi nel cervello, uccidendolo.[45]

Appare in (2/11)
Settima Stagione (2/11)



Rose LangdonModifica

Rose Langdon è un personaggio minore dell'ottava stagione di American Horror Story ed è interpretato dall'attrice Raina Matheson.

Biografia
Mentre Constance Langdon è occupata a raccontare la storia e la vera natura di Michael Langdon a Madison Montgomery e Behold Chablis, Rose irrompe nella stanza annunciando che è arrivata l'ora del tè. Constance si scusò con i suoi ospiti, prese gentilmente la bambina per la mano e la portò in cucina.[14]

Appare in (1/10)
Ottava Stagione (1/10)

Curiosità

  • È possibile che Rose sia nata o senza occhi, o che le siano stati strappati via attraverso mezzi sconosciuti ad un certo punto della sua vita, causandole una grave infezione o perdita di sangue che ha portato irrimediabilmente alla sua morte. Poiché la stessa Constance ha dichiarato però che tutti i suoi figli, ad eccezione di Tate, fossero nati con una grave forma di inabilità, malattia o deformità, è plausibile che Rose sia nata senza gli occhi.



WModifica

WrenModifica

Wren è un personaggio minore della quinta stagione di American Horror Story ed è interpretato dall'attrice Jessica Belkin.

Wren era un'afflitta ed una dei bambini allevati e protetti da La Contessa. Wren venne infettata da Elizabeth Johnson nel 1986. Su richiesta di Sally McKenna segue John Lowe, per assicurarsi che l'uomo esegua le direttive di James Patrick March e porti a compimento la sua strage. Arrestata da Andy viene messa in un ospedale ma Lowe riesce a farla scappare. Stanca della sua vita da immortale però, Wren decide di suicidarsi facendosi investire da un camion.

Biografia
Risvegliatasi dal suo pisolino un'ora dopo, Vendela scopre con orrore che in bagno, dei bambini stanno bevendo il sangue di Agnetha, ormai svenuta a causa dell'eccessiva perdita di sangue.

Marcy mostra l'altra metà dell'attico al signor Drake e così, l'uomo fa la conoscenza di Elizabeth. La donna, rimasta da sola con Lachlan, porta il bambino in una stanza segreta dell'albergo, un luogo diverso, moderno e ricco di videogiochi dove dei bambini dalla pelle candida e i capelli chiari giocano insieme, tra i quali Wren. Elizabeth presenta Lachlan a uno di loro, il piccolo Olden.[46]

Lachlan porta Scarlett nelle luminose cantine dell'hotel dove dei bambini dai capelli chiari, dormono in delle bare di vetro. Tra questi, Scarlett riconosce proprio il suo fratellino scomparso, il piccolo Olden.[33]

Il caso dell’assassino dei dieci comandamenti ha fatto totalmente impazzire John che decide di ricoverarsi spontaneamente in un ospedale psichiatrico, poiché ha semplicemente scoperto che il principale indiziato è rinchiuso proprio lì. L’indiziato è ben diverso da ciò che John si aspettava: si tratta di Wren, una delle bambine della Contessa che ha assistito e collaborato a tutti gli omicidi. Per salvare la bambina, i due stringono un patto. Lei gli rivelerà chi è l’assassino se lui la farà uscire. Scappano insieme e la ragazza gli confida che per trovare il vero colpevole deve tornare al Cortez, poi corre in mezzo alla strada e buttandosi sotto un camion, morendo. [24]

Appare in (3/12)
Quinta Stagione (3/12)



NavigazioneModifica


References Modifica

  1. 1,0 1,1 1,2 1,3 Episode: The End
  2. 2,0 2,1 Episode: The Morning After
  3. 3,0 3,1 Episode: Forbidden Fruit
  4. 4,0 4,1 4,2 4,3 4,4 4,5 4,6 Episode: Apocalypse Then
  5. Episode: Room 33
  6. 6,0 6,1 6,2 6,3 6,4 6,5 Episode: Bitchcraft
  7. 7,0 7,1 Episode: Boy Parts
  8. Episode: The Replacements
  9. 9,0 9,1 9,2 9,3 Episode: Fearful Pranks Ensue
  10. 10,0 10,1 Episode: Home Invasion
  11. Episode: Open House
  12. Episode: Rubber Man
  13. Episode: Afterbirth
  14. 14,0 14,1 Episode: Return to Murder House
  15. 15,0 15,1 15,2 Episode: Room Service
  16. 16,0 16,1 Episode: Be Our Guest
  17. 17,0 17,1 17,2 17,3 17,4 17,5 Episode: Burn, Witch. Burn!
  18. 18,0 18,1 18,2 Episode: Go to Hell
  19. Episode: Unholy Night
  20. Episode: The Name Game
  21. 21,0 21,1 Episode: Test of Strenght
  22. 22,0 22,1 22,2 22,3 Episode: Curtain Call
  23. Episode: Fordbidden Fruit
  24. 24,0 24,1 Episode: Flicker
  25. 25,0 25,1 Episode: Election Night
  26. Episode: Charles (Manson) in Charge
  27. Episode: Blood Bath
  28. Episode: Tricks And Treats
  29. 29,0 29,1 Episode: Sojourn
  30. 30,0 30,1 Episode: Fire And Reign
  31. Episode: Pilot
  32. Episode: Piggy Piggy
  33. 33,0 33,1 Episode: Chutes and Ladders
  34. Episode: Mommy
  35. Episode: She Wants Revenge
  36. Episode: She Gets Revenge
  37. Episode: Battle Royale
  38. Episode: Monsters Among Us
  39. Episode: Massacres and Matinees
  40. Episode: Don't Be Afraid of the Dark
  41. Episode: Drink the Kool-Aid
  42. Episode: Great Again
  43. Episode: Edward Mordrake (Part 2)
  44. Episode: 11/9
  45. Episode: Holes
  46. Episode: Checking In

I contenuti della comunità sono disponibili sotto la licenza CC-BY-SA a meno che non sia diversamente specificato.