FANDOM


Kai Anderson: Qual è la tua paura più grande?
Meadow: Posso essere completamente sincera? Temo che Sonja di The Real Housewives of New York abbia un serio problema con l'alcol.


Temo che l'uomo che amo si stia rivoltando contro di me.

—Meadow Wilton, in Holes


Si tratta di una setta, Ally! Una c*zzo di setta malata e tutti qui ne fanno segretamente parte! La polizia, mio marito, tua moglie, la tua baby-sitter!

—Meadow Wilton ad Ally Mayfair-Richards, in Mid-Western Assassin


Meadow Wilton è uno dei personaggi principali della settima stagione di American Horror Story, ed è interpretato dall'attrice Leslie Grossman.


BiografiaModifica

Nel Novembre del 2016, Kai Anderson si guadagnò con astuzia le attenzioni dei frustrati coniugi Wilton facendo leva sul bisogno di attenzioni della donna (Meadow) e sul senso di costante repressione di Harrison, in realtà omosessuale. L'uomo, istruttore di una palestra, viene infatti costantemente maltrattato dal suo datore di lavoro, l'omofobo Vinny, che continua a maltrattarlo a causa del suo orientamento sessuale, facendogli svolgere le mansioni più meschine, come lavare dai pavimenti lo sperma dei clienti nelle docce. Iscrittosi in palestra per avvicinarsi ad Harrison, Kai motiva l'uomo a ribellarsi alla costanti angherie cui è sottoposto. In un impeto di rabbia, mentre Vinny è occupato ad allenarsi sollevando dei pesi, Harrison arriva quindi a soffocarlo, per poi infierirgli il colpo finale mediante il peso stesso. Dando prova a Kai di averlo ucciso, ancora coperto del suo sangue, il ragazzo, come premio, lascia che Harrison lo masturbi nelle docce. In seguito, i due si sbarazzarono del suo cadavere e delle registrazioni dell'accaduto.

Determinato ad avere Beverly Hope dalla sua parte, il candidato al Consiglio Cittadino Kai Anderson inscena l'omicidio di Serena Belinda. Così invia alcuni dei suoi sottoposti, vestiti da clown, ad uccidere lei e il suo cameraman in diretta televisiva con una serie di pugnalate allo stomaco. Appreso del tragico omicidio della collega, Beverly accetta di allearsi con Kai Anderson, entrando a fare parte della sua setta assieme ai coniugi Harrison e Meadow Wilton. Insieme, i tre inscenano l'omicidio dei coniugi Chang in modo da insediarsi nel quartiere di Brookfield Heights, Michigan, e permettere al ragazzo di aggiudicarsi il posto di Consigliere Comunale.[1]

Harrison definisce ally razzista

Meadow e Harrison definiscono Ally razzista.

Ally sta facendo la spesa al supermercato quando la sua paura dei clown torna a tormentarla. Ostacolata infatti ad ogni corsi da inquietanti clown mascherati, la donna finisce accerchiata da queste misteriose e terribili figure (in realtà Meadow, Harrison, Kai e il detective Samuels). Imbattendosi da prima in due clown nel bel mezzo di un rapporto sessuale (Harrison e Jack) e in seguito in una minacciosa figura armata con una mannaia (Meadow), Ally perde completamente lucidità, tanto da spingerla a correre fuori dall'edificio urlando, chiudersi in macchina e telefonare disperata alla moglie Ivy. Durante la chiamata però, uno di quei clown appare proprio sul sedile posteriore, terrorizzandola. Per lo spavento, Ally preme per sbaglio l'acceleratore, scontrandosi contro un palo e perdendo i sensi. La polizia, guidata dal detective Samuels arriva sul posto, ma Ally scopre che le telecamere non hanno ripreso un bel nulla: al supermercato c'erano soltanto lei e il commesso.

Quella sera, mentre le sue mamme sono a lavoro, Oz intravede fuori dalla finestra di camera sua uno stranissimo furgoncino dei gelati che rilascia strani fumi verdi nell'aria. Un gruppo di clown (composto da Kai, Meadow, Jack, Harrison e Beverly) saltella fuori dal mezzo, e gli strani individui si dirigono con fare sospettoso verso la casa dei Chang. Il giorno dopo, i Chang vengono ritrovati brutalmente assassinati.[2]

Intanto, presso la casa dei Chang a pochi giorni dal loro omicidio, si trasferisce una nuova coppia di simpatici vicini, tali Meadow e Harrison Wilton. I due visitano Ally e Ivy, presentandosi come una coppia amichevole, simpatizzante per i diritti delle famiglie "arcobaleno". Meadow dimostra inoltre di condividere alcune delle paranoie di Ally, così come alcuni suoi ideali (quali la famiglia). Dallo stesso Wilton, allo scopo di proteggere la sua famiglia, Ally acquista illegalmente una pistola.[3]

Meadow episodio 3
Dopo che Ally ha ucciso un uomo perché di origini messicane, Meadow e Harrison si accaniscono contro di lei definendola una razzista patologica. Gli stessi Harrison e Meadow Wilton, indossando ciascuno un paio di sombrero, la etichettano come razzista e vergogna della comunità. A causa di annuncio offensivo nei suoi confronti, postato online da Meadow, la coppia si attira persino le antipatie di un pervertito che si reca presso la loro casa in cerca di giustizia, disturbandole nella loro quotidianità.

Durante una visita presso i Wilton, determinate a porre fine alle loro angherie, Ally ed Ivy li invitano gentilmente a smetterla di postare online annunci offensivi nei loro confronti. I due fanno in fine dono ad Oz di un amorevole porcellino d'India, perfettamente consapevoli che Ally non tolleri la vista degli animali. La donna, che non è d'accordo nel tenere l'animale, crede che i Wilton stiano facendo di tutto per allontanarla da suo figlio. Alla fine però, Ally è costretta a tenere il porcellino.

Meadow e kai pinky pinky

Kai e Meadow.

Meadow viene avvicinata da Kai Anderson, che la invita ad unirsi alla sua setta segreta allo scopo di diffondere la paura di massa e scatenare così il caos politico nel quartiere. Meadow gli confessa di non sentirsi amata dall'uomo che ha sposato, sostenendo che Wilton prediliga la compagnia del genere maschile e che si sia trovato un nuovo compagno. Harrison rivela invece a Kai che il suo più grande rammarico è stato sposare Meadow, non desiderando altro che vederla morta. Più tardi, lo stesso Harrison trascorre una serata "romantica" in compagnia del detective Samuels, in segreto suo amante.

La notte stessa, il vicinato viene nuovamente sconvolto dall'arrivo delle vetture della polizia. L'agente Samuels è occupato ad interrogare Harrison, completamente ricoperto di sangue. Non appena l'uomo la scorge in lontananza, accusa Ally dell'omicidio della moglie.[4]

Meadow rivela i suoi segreti
Ally, preda di una spirale depressiva in seguito al divorzio dalla moglie, torna dal suo terapeuta, il Dr. Rudy Vincent, in cerca di aiuto. La sera stessa, dalla finestra di casa, Ally nota degli strani avvenimenti in casa Harrison, decidendo di avvicinarsi all'abitazione per indagare meglio. In salotto, scorge Harrison romanticamente stretto al Detective Samuels, scoprendo che i due sono in realtà amanti. Sospettosa, si reca in giardino, dove scopre una fossa scavata con all'interno il corpo di Meadow. Ally cerca di aiutare la donna facendo ritorno a casa sua e avvertendo il 911, ma invano. Rincorsa da Samuels ed Harrison, Meadow si fa viva alla porta di Ally, implorando di farla entrare, ma Ally, nuovamente preda delle sue paure più oscure, non la fa entrare. In tono concitato, Meadow rivela ad Ally l'esistenza di una setta segreta di cui tutti, compresi l'agente Samuels e l'ex-moglie Ivy, fanno parte. Meadow non fa in tempo a raccontarle tutta la verità che viene portata via con un sacco in testa dai due uomini.[5]

Determinata a salvare la vicina di casa, Ally si intrufola nuovamente in casa Wilton, dove scorge Harrison e il detective Samuels consumare un rapporto sessuale in cucina. Approfittando dell'atto, Ally riesce a liberare inosservata Meadow dai bavagli e dalle corde, portandola al sicuro in casa sua. Meadow le racconta quindi degli ideali del giovane Kai Anderson. Di come abbia convinto prima lei e poi abbia fatto lo stesso con Ivy, scatenando la sua gelosia e la decisione di andarsene. E la relativa decisione di Kai di eliminarla, con la collaborazione di tutti gli altri.

Meadow e kai

Meadow si innamora di Kai.

Ally le domanda perché fosse entrata a fare parte della setta, e lei le risponde semplicemente che di essersi innamorata di Kai, delle attenzioni che le riservava, del modo in cui la faceva sentire. Tuttavia, una volta scoperto che il ragazzo rivolgeva le stesse attenzioni e parole a ciascun membro della setta pur di convincerli ad unirsi a lui e al suo movimento rivoluzionario, Meadow decise di abbandonarlo, ma Harris e Jack, che nel frattempo avevano iniziato una relazione romantica e spesso, sessuale, sotto i suoi occhi, non glielo permisero.

Ally le propone quindi di rivolgersi alla polizia di un'altra città o addirittura all'FBI, poiché lo stesso detective Jack Samuels è coinvolto, ma Meadow non vede altre alternative se non sbarazzarsi del problema prima che diventi ingestibile: uccidere Kai Anderson.

Ally porta Meadow dal dottor Vincent per aiutarla a riprendersi dall'accaduto con della terapia, ma la donne fugge. Ally la ritrova al comizio di Kai, armata, e cerca di fermarla. Dopo aver ferito Kai a una gamba però, invece che finirlo, inizia a sparare sulla folla. Ally la ferma, ma non riesce a impedirle di suicidarsi. Il tutto si rivela essere soltanto l'ennesimo piano di Kai, il più estremo, per guadagnarsi il consenso del pubblico, costruendo intorno a se l'immagine della povera vittima sopravvissuta ad una pericolosa sparatoria. La stessa Meadow, ancora segretamente in combutta con Kai e perdutamente innamorata del giovane, acconsentì a sacrificarsi in nome di un bene superiore. Ally viene ritrovata dalla polizia con la pistola fumante in mano e portata via in manette.[6]

Appare in (6/11)Modifica

Settima Stagione (6/11)

NavigazioneModifica


References Modifica

  1. Episode: 11/9
  2. Episode: Election Night
  3. Episode: Don't Be Afraid of the Dark
  4. Episode: Neighbors from Hell
  5. Episode: Holes
  6. Episode: Mid-Western Assassin
I contenuti della comunità sono disponibili sotto la licenza CC-BY-SA a meno che non sia diversamente specificato.