FANDOM


Murder House (luogo) è il l'ambientazione principale e il fulcro di tutti gli eventi della prima stagione di American Horror Story, costruita intorno al 1920 da Charles e Nora Montgomery, una prominente famiglia vittoriana dell'epoca. Essendo una Bocca Infernale, lo spirito di chiunque vi muoia al suo interno, ne rimane eternamente intrappolato nelle vesti di fantasma.

StoriaModifica

La Murder House venne costruita sullo stile classico della case vittoriane dell'epoca nel 1920 dai coniugi Montgomery. Il chirurgo Charles Montgomery, costruì la Casa degli Omicidi in base ai suoi raffinati gusti personali.[1] Quando l'uomo iniziò ad esibire una strana ossessione per le sperimentazioni sui cadaveri, praticando una serie di aborti clandestini, all'epoca ancora illegali, attirò le antipatie del fidanzato di una delle sue pazienti che, introducendosi in casa, rapì l'innocente bambino della coppia, Thaddeus Montgomery. Lui lo fece a pezzi e glielo riconsegnò in tanti piccoli vasetti.

Nora, distrutta dalla morte del figlioletto, propose al marito di seppellirlo nel giardino della casa, soltanto per scoprire che l'uomo aveva ricucito insieme gli organi del bambino e lo aveva rianimato attraverso i suoi esperimenti.[2] La creatura che ha riportato alla luce però non è più Thaddeus, ma uno mostro assetato di sangue, tanto da costringere la povera Nora ad ucciderlo e poi suicidarsi di conseguenza.[3]

Nel 1947, la casa venne convertita in uno studio dentistico dove il dottor David Curran, il medico delle star, esercitava la propria professione. Elizabeth Short che aspirava a diventare un'attrice di successo a Los Angeles, si presentò alla Murder House, un tempo uno studio medico, per ottenere il tanto agognato "sorriso" delle dive di Hollywood. Dopo averla fatta accomodare sul lettino e anestetizzata, l'uomo la stuprò, credendo, in fine, di averla uccisa, proprio come era solito fare con le sue pazienti. Dopo qualche ora però, Elizabeth dimostrò qualche segno di vita: la donna era ancora viva. Preso dal panico, il dottor Duran la trascinò con la forza nella cantina dove incontrò il dottor Charles Montgomery che si offrì di aiutarlo con il suo "problema". Insieme i due la tagliarono a pezzi, incidendo sul suo volto un'ultima mutilazione prima di abbandonare il suo corpo in giardino: un profondo taglio sul viso, ai lati della bocca, che andava da un orecchio all'altro. I suoi resti vennero ritrovati in un campo da una donna e da suo figlio, rivelando il suo vero nome, Elizabeth Short, la Dalia Nera.[4]

Tra il 1983 e il 1984, Constance Langdon e la sua famiglia abitarono presso la casa, soltanto per trasferirsi, l'anno successivo, nella casa accanto.

Nel 2010, vi si trasferì la coppia formata dai fidanzati Chad Warwick e Patrick. Entrambi vennero però brutalmente assassinati e massacrati da un'entità sconosciuta.[2]

Nel 2011, vi si trasferì la coppia di coniugi formata da Ben e Vivien Harmon, e dalla loro figlioletta Violet. Per ragioni differenti, tutti e tre persero la vita all'interno della casa.

Nel 2017, Cordelia Goode e il Consiglio delle Streghe inviarono Madison Montgomery e Behold Chablis per conto della Congrega di New Orleans, a investigare sulla casa e raccogliere qualche informazione su Michael Langdon. La Congrega acquistò la casa per assicurarsi inoltre che nessuno dovesse più morire tra le sue mura.[5] L'evento venne però invertito da un viaggio temporale di Mallory.[6]

Fantasmi avvistati al suo internoModifica

Visitatori OccasionaliModifica

Appare in (15/34)Modifica

Prima Stagione (12/12)

Quinta Stagione (1/12)

Ottava Stagione (2/10)

References Modifica

  1. Episode: Murder House
  2. 2,0 2,1 Episode: Halloween (Part 1)
  3. Episode: Halloween (Part 2)
  4. Episode: Spooky Little Girl
  5. Episode: Return to Murder House
  6. Episode: Apocalypse Then
I contenuti della comunità sono disponibili sotto la licenza CC-BY-SA a meno che non sia diversamente specificato.