FANDOM


The Origins Of Monstrosity
Seconda Stagione, Sesto Episodio
Ahs 206
Informazioni Episodio
Data di trasmissione

21 Novembre, 2012

Scrittori

Ryan Murphy, Brad Falchuk

Direttori

Ryan Murphy

Guida Episodio
← Precedente
"I Am Anne Frank: Part 2"
Successivo →
"Dark Cousin"

Sapevo che ero diverso dagli altri bambini: ero più intelligente... ma anche molto più triste. Per questo ho studiato psichiatria: per capire meglio i miei problemi.

Oliver Thredson

The Origins Of Monstrosity è il sesto episodio della seconda stagione di American Horror Story. La prima diretta TV americana dell'episodio è avvenuta il 21 Novembre 2012 sui canali Fox.

TramaModifica

Flashforward, 2012:Modifica

Quando la polizia arriva a Briarcliff, trova tre corpi mascherati che, impiccati, pendono morenti dal soffitto. Dopo di che ritrovano anche il corpo di Leo. Il braccio mozzato di quest'ultimo tiene un cellulare in mano che squilla. Quando l'agente risponde al telefono, è lo stesso Johnny Morgan, facendosi passare per Bloody Face, a dichiarare di avere brutalmente ucciso tutti quanti. Dopo aver scoperto che Leo era in luna di miele, iniziano quindi a cercare la moglie Teresa. Altrove però, Johnny, tiene Teresa legata ad un tavolo e la scuoia viva.

Presente della storia, 1964:Modifica

Nel 1964, una madre chiede un colloquio a suor Jude, per potere sottoporre la figlia alla sua attenzione. La bambina infatti, una certa Jenny, non ha mai mostrato il minimo segno di pietà o di compassione per il prossimo, non ha mai pianto, o riso, per quanto possa fare la differenza. Suor Jude ha sempre desiderato potere aprire un reparto per bambini a Briarcliff, ma non essendovi la possibilità, è costretta a rimandare la donna a casa, raccomandandola di pregare per lui. A quel punto però la povera donna le confessa di temere che la sua bambina abbia ucciso una sua amichetta, una volta. C'è qualcosa di davvero malvagio in lei. Così dicendo, abbandona la figlia Jenny presso il manicomio. Non sapendo che altro fare, Jude decide di prendere la bambina sotto le sue cure, affidando a Mary Eunice il compito di tenerla d'occhio. Sam Goodman comunica a suor Jude di avere scoperto la vera identità del dottor Arden, ma che avrebbe bisogno di un'impronta digitale dell'uomo per potere confermare le sue ipotesi.

Durante un colloquio, Mary Eunice rivela a Jenny di essere il demonio e di essere al corrente che lei abbia ucciso la sua amichetta. Prima di lasciarla di nuovo a sua madre, le raccomanda di non perdere mai quella sua scintilla di malvagità che le brilla negli occhi.

Jude apprende di come il dottor Arden sia stato trasferito a Pittsburgh, in un centro di recupero per ragazze sbandate, così incarica suor Mary Eunice di portarle una bottiglia di cognac e due calici puliti con i quali brinda alla salute del dottore, per far sì che l'uomo lasci un'impronta sul bicchiere. L'ennesima chiamata del signor Sam Goodman viene però intercettata da Mary Eunice, che fingendosi Jude, si reca nel suo appartamento per ucciderlo e proteggere l'identità di Arden da eventuali scandali circa la sua persona. Suor Jude si reca da Goodman ritrovandolo in fin di vita e immerso in un letto di sangue. Con un ultimo sforzo però, l'uomo riesce a comunicare a Jude che è stata una delle sue consorelle ad averlo ucciso.

CastModifica

Cast PrincipaleModifica

Cast RicorrenteModifica

Special Guest CastModifica

Guest CastModifica

NavigazioneModifica

I contenuti della comunità sono disponibili sotto la licenza CC-BY-SA a meno che non sia diversamente specificato.